Home Campania Comune di Napoli Napoli, chiamata alle arti per costruzione Maggio dei Monumenti 2020

Napoli, chiamata alle arti per costruzione Maggio dei Monumenti 2020

259
Giordano Bruno


Download PDF

Dichiarazione dell’Ass. de Majo

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

L’Assessorato alla Cultura e al Turismo dedica il Maggio dei Monumenti di quest’anno al filosofo Giordano Bruno. A partire dalla potenza del suo pensiero visionario, eclettico, capace di contaminarsi con le più diverse discipline e con i più diversi linguaggi, promuove altresì una chiamata di idee sul tema ’20/20: la visione, contro le catastrofi‘.

L’idea è quella di declinare il pensiero e la parola di Giordano Bruno, sviluppando un programma di attività artistico – culturali che diano risalto e valore ai beni monumentali della città, anche a quelli meno conosciuti, come da tempo è obiettivo del Maggio dei Monumenti.

L’eresia, il suo spirito indomito e ribelle, sviluppatosi innanzitutto tra le mura spesse del convento di San Domenico Maggiore e che ha percorso le vie della città, contaminano l’intera Europa.

L’intento è quello di coniugare al presente il coraggio di Bruno, il suo nomadismo intellettuale, la sua capacità di previsione, che lo hanno portato a confrontarsi con sistemi, lingue, ambienti, culture e costumi stranieri, e a sviluppare una tensione sempre critica al potere, alla superstizione, al dogma, contrastando il clima di oscurantismo del suo tempo, inaugurando la stagione del pensiero nuovo.

Affinché il Maggio sia espressione di un confronto ampio e di una un’attività partecipata e condivisa, l’assessore alla cultura e al turismo Eleonora de Majo invita i soggetti e gli enti culturali a presentare proposte, idee, suggestioni e ragionamenti intorno al tema.

Le idee pervenute contribuiranno alla scrittura del programma che verrà poi messo a bando, con specifico provvedimento ad evidenza pubblica.
Tutte le info su www.comune.napoli.it.

Dichiara l’Assessore alla Cultura e al Turismo Eleonora de Majo:

Il tema scelto è più che mai attuale in un tempo di catastrofi presunte, pretese e reali; in questo tempo il punto di vista pluriangolare di Bruno ci chiama a modificare la lettura del presente e a tracciare inedite prospettive sul futuro. Soprattutto ora che il comparto della cultura e del turismo sta vivendo un momento molto complicato.

Dal canto nostro proviamo a stare accanto agli operatori e a mantenere al contempo la normalità, continuando a sostenere l’offerta culturale cittadina e quanti quotidianamente lavorano in città per renderla ricca, plurale e espressione della millenaria storia che ci rappresenta in tutto il mondo.

Print Friendly, PDF & Email