Home Territorio ‘Love me’ al Teatro Nuovo

‘Love me’ al Teatro Nuovo

353
Licia Lanera in 'Love me' - ph Manuela Giusto
Licia Lanera in 'Love me' - ph Manuela Giusto


Download PDF

Licia Lanera in scena a Napoli dall’11 al 14 aprile

Riceviamo e pubblichiamo.

Raffinato e feroce, Antonio Tarantino è stato una delle voci più forti e originali della drammaturgia italiana degli ultimi trent’anni.

La pluripremiata attrice e regista Licia Lanera ne porta in scena due opere nella vorticosa creazione ‘Love me’, in scena da giovedì 11 aprile 2024 alle ore 21:00, repliche fino a domenica 14, al Teatro Nuovo di Napoli.

Presentato da Emilia Romagna Teatro ERT – Teatro Nazionale e Compagnia Licia Lanera, l’allestimento si avvale delle luci a cura di Vincent Longuemare, il disegno sonoro di Tommaso Qzerty Danisi, i costumi di Angela Tomasicchio.

‘Love me’ è un patchwork, un dittico di due pezzi di Antonio Tarantino, uno dei più grandi drammaturghi italiani degli ultimi anni, che ci ha lasciato alle porte del 2020.

I due pezzi sono un estratto di ‘Medea’ e l’inedito ‘La Scena’, due testi strutturalmente molto diversi fra loro, ma che si sviluppano attorno ad un tema comune: lo Straniero.

Licia Lanera affronta il disincantato immaginario dell’autore, popolato da personaggi sconfitti e feriti, ma disperatamente vivi, che parlano una lingua cruda, priva di retorica, tabù e violenza.

Stranieri, reietti e personaggi ai margini di una società barbara e violenta fanno riverberare l’eterna e irrisolta lotta tra i miseri e i potenti.

A legarli è la lotta tra i potenti, che detengono il potere e fanno le leggi, e i miseri, che non sono neanche in grado di poterli contrastare perché magari incapaci persino di parlarne la stessa lingua.

Ancora una volta in veste di regista e attrice, la Lanera dà voce alla rabbia, alla sofferenza e alle suppliche degli emarginati, facendoci entrare prepotentemente dentro le loro vite e rendendoci partecipi dei loro affanni.

Offre la prospettiva dello sguardo dolente e disilluso dei reietti, strappandoci una risata amara e spietata, ma lasciandoci addosso anche una sensazione di strano disagio, un turbamento interiore, un senso di vergogna.

Insieme a lei, sul palco, Vittorio Anthony Obiechefu rende concreta e reale la riflessione portata avanti dallo spettacolo.
Il potere costituito è quello assoluto della Parola, e Tarantino stesso lo

esercita con il proprio stile drammaturgico. Mischiando un linguaggio pirotecnico, basso e volgare, con elementi ricercati e letterari, favorisce l’adesione ai luoghi comuni che attraversano lo spettacolo, giocando sul grottesco e andando a sottolineare l’atrocità e la violenza degli stereotipi più diffusi che riguardano gli stranieri, le donne e tutte le minoranze escluse dal potere.

Teatro Nuovo
Via Montecalvario, 16
Napoli

Inizio spettacoli:
giovedì ore 21:00
venerdì e domenica ore 18:30
sabato ore 19:00

Info:
081-4976267
email botteghino@teatronuovonapoli.it

Print Friendly, PDF & Email