Home Toscana Regione Toscana GKN, la soddisfazione di Giani per l’accordo firmato

GKN, la soddisfazione di Giani per l’accordo firmato

360
Eugenio Giani e Francesco Borgomeo


Download PDF

Il commento del Presidente della Regione dopo la riunione al MiSE

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Soddisfazione per l’accordo raggiunto su GKN, per la tenuta complessiva del tavolo con tutti i soggetti presenti e per gli scenari che si aprono sul futuro dello stabilimento di Campi Bisenzio e dei lavoratori coinvolti.

È quanto esprime Eugenio Giani, che ieri ha partecipato alla lunga seduta del tavolo MiSE.

Afferma:

È un accordo molto importante e positivo, un motivo di soddisfazione per tutto il territorio; ringrazio i lavoratori della GKN per il comportamento di assoluta maturità e serietà che hanno tenuto con i loro organi di rappresentanza; il sindacato, CGIL, CISL e UIL, ha seguito costantemente a livello locale e nazionale questa vicenda, arrivando, con la FIOM e il ricorso ex articolo 28 dello Statuto dei lavoratori, a determinare una situazione che poi ha fatto venire un imprenditore che io giudico serio e che sta facendo proposte e accordi che danno un futuro a GKN e che comunque ha rilevato la proprietà della società.

L’accordo di ieri sera è molto ponderato e molto meditato: impegna la Regione sul piano della formazione per la riconversione e noi metteremo le risorse e l’impegno per favorire questo processo.

In base all’accordo al tavolo MiSE, a metà febbraio Francesco Borgomeo comunicherà con vincolo di riservatezza i soggetti interessati alla reindustrializzazione del sito ex GKN di Campi Bisenzio, oggi QF.

Entro la fine di marzo le proposte sugli elementi essenziali del piano industriale saranno portate a conoscenza di tutti i soggetti del tavolo.

QF s’impegna a non accettare proposte che non rispettino i criteri definiti nell’accordo, in primis la garanzia di continuità contrattuale per tutti i lavoratori anche durante il percorso ‘ponte’ che consentirà di arrivare alla reindustrializzazione.

Secondo l’accordo i lavoratori durante l’intero processo saranno comunque tutelati da ammortizzatori sociali finalizzati a gestire la transizione.

Print Friendly, PDF & Email