Home Lazio Regione Lazio Dimensionamento scolastico, Schiboni incontra Provincia di Viterbo

Dimensionamento scolastico, Schiboni incontra Provincia di Viterbo

258
Dimensionamento scolastico


Download PDF

L’Assessore: ‘Confronto e dialogo con i territori sono le parole d’ordine sulle nuove linee programmatiche’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lazio.

Iniziati oggi gli incontri tra la Regione Lazio e i Consigli provinciali.

Obiettivo, per aprire il dialogo sulla bozza delle linee guida per la programmazione della rete scolastica regionale 2025/2026.

L’iniziativa fortemente voluta dall’Assessore al Lavoro, alla Scuola, alla Formazione, alla Ricerca e al Merito della Regione Lazio, Giuseppe Schiboni, è partita dalla Provincia di Viterbo, cui seguiranno le altre Province del Lazio.

Erano presenti all’incontro il Presidente, Alessandro Romoli, i Sindaci del territorio, il Capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale, Daniele Sabatini, il Consigliere regionale, Giulio Zelli, le parti sociali e tutti gli organi scolastici interessati.

Abbiamo impostato la definizione di questo documento sul dialogo e sul confronto, rispettando le peculiarità di tutti e i territori e le esigenze delle singole comunità.

Infatti, in questo modo, ribaltando la logica seguita sinora abbiamo scelto di riportare la discussione sui territori, all’insegna della responsabilità e della collaborazione istituzionale.

Come Regione Lazio intendiamo tenere in considerazione le dinamiche sociali, il sistema dei collegamenti e dei trasporti.

Tenendo conto anche della dotazione strutturale degli edifici, anche in relazione agli interventi di edilizia scolastica previsti e in fase di realizzazione, e le reali opportunità di inserimento dei giovani in un contesto lavorativo.

Lo ha dichiarato l’Assessore al Lavoro, alla Scuola, alla Formazione, alla Ricerca e al Merito della Regione Lazio, Giuseppe Schiboni.

Tra le novità di questo piano, infatti, c’è la volontà di decidere e razionalizzare l’offerta formativa delle scuole superiori. Il tutto all’insegna dell’omogeneità e con un’ottica di ricadute in termini occupazionali.

Proprio per questo, nel corso del Consiglio provinciale, Agnese D’Alessio, dirigente regionale dell’area per il diritto allo studio scolastico e universitario, ha illustrato la bozza di programmazione sotto il profilo tecnico.

Per l’anno scolastico 2025 – 2026 le misure di riorganizzazione della rete scolastica potranno prevedere l’accorpamento, la disaggregazione e il cambio di aggregazione delle Istituzioni scolastiche del I ciclo e del II ciclo, Direzioni didattiche, Istituti comprensivi, Scuole secondarie di primo grado, Scuole secondarie di secondo grado, presenti nel territorio regionale o di parti di esse, plessi, sezioni staccate o succursali.

I Comuni, le Province e la Città Metropolitana di Roma Capitale, nell’individuare le istituzioni scolastiche su cui intervenire, dovranno tenere conto delle varie specificità territoriali e, in particolare, della necessità di salvaguardare i presidi scolastici presenti nei Comuni montani, nelle isole dell’arcipelago Pontino e nei territori particolarmente isolati o disagiati.

L’Assessore della Regione Lazio, Giuseppe Schiboni, ha concluso:

La bozza sarà condivisa con tutte le Province, con le parti sociali e con tutti gli organi scolastici. La parola d’ordine è concentrazione.

La finalità e la priorità sono quelle di aumentare e migliorare i servizi a sostegno dei giovani con scelte che devono essere misurate sulle esigenze effettive dei territori.

Con un’ottica di sviluppo, di qualità ed efficienza dell’intero sistema formativo.

Print Friendly, PDF & Email