Home Territorio Arte e sport: progetto Reggia di Caserta, Liceo artistico e JuveCaserta

Arte e sport: progetto Reggia di Caserta, Liceo artistico e JuveCaserta

202
Mietitura a San Leucio modificata dal Liceo artistico
Mietitura a San Leucio modificata dal Liceo artistico


Download PDF

‘Mietitura a San Leucio’ al centro di un progetto congiunto di arte e sport

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Reggia di Caserta.

Un’opera della Reggia di Caserta del pittore di Corte Jacob Philipp Hackert è stata rielaborata dal Liceo artistico statale di San Leucio per la JuveCaserta.

Il Museo è un istituto al servizio della società che offre esperienze diversificate per l’educazione, il piacere, la riflessione e la condivisione di conoscenze. Esso lavora in un sistema di relazioni e pone al centro la collettività e il sostegno ad iniziative attente all’impegno sociale.

In questo spirito di progettualità condivisa, il Museo Reggia di Caserta ha reso possibile la rielaborazione dell’immagine del dipinto di Hackert ‘Mietitura a San Leucio’ per la campagna abbonamenti della squadra di basket della città.

L’istituto scolastico ha presentato la richiesta di utilizzare l’opera per promuovere la partecipazione degli studenti alla realizzazione di un progetto congiunto di arte e sport.

Attraverso la valorizzazione di uno dei dipinti della Reggia di Caserta, i ragazzi hanno lavorato alla comunicazione della JuveCaserta e, con il pay off ‘Campagna Felix’ promosso anche l’immagine del territorio.

Gli alunni hanno proposto una rivisitazione del quadro del grande pittore del Regno, riproducendo nella parte anteriore della scena di paesaggio un campo di basket e i giocatori.

‘Mietitura a San Leucio’, gouache su cartone di Hackert esposta lungo il percorso degli Appartamenti Reali, venne realizzata nel 1782 per Ferdinando IV di Borbone che volle vedere raffigurato il suo monte:

San Leucio mi è sempre piaciuto e in gioventù vi ho trascorso molti giorni. Perciò mi piacerebbe vederlo raffigurato in un bel dipinto.

Hackert ne tracciò il disegno mentre i mietitori erano all’opera. Il re si fermò a osservarlo e gli piacque così tanto che ordinò che gli fosse portata una sedia per accomodarsi affianco all’artista e vedere come l’opera prendesse forma.

Fu proprio Ferdinando a chiedere che i mietitori e le donne fossero in primo piano e che vi fossero aggiunti ragazzi che giocavano. Una veduta che conteneva già, quindi, un profondo legame con la collettività.

La Direzione della Reggia di Caserta ha svolto in questi anni, presso le sue centinaia di migliaia di visitatori, un’intensa attività di promozione delle risorse paesaggistiche, storiche, artistiche, sociali ed enogastronomiche del territorio.

Ha accolto, quindi, con molto interesse l’iniziativa della scuola e della società sportiva che favorisce anche la conoscenza di un’opera del patrimonio museale da parte delle nuove generazioni.

Afferma il Direttore della Reggia di Caserta Tiziana Maffei:

Avvicinare i più giovani alla cultura è una delle finalità dell’azione quotidiana del Museo e i valori di cui lo sport è portatore, come la condivisione, la partecipazione e il rispetto, sono espressioni di cultura.

La JuveCaserta è, del resto, uno dei simboli della città. Intere generazioni si sono appassionate alla sua storia e alle sue vicende.

Il patrimonio culturale assolve alla sua funzione se entra nella vita delle persone, se stabilisce un contatto, se riesce a creare suggestioni nella comunità. Credo che questa iniziativa abbia un grande potenziale educativo.

Print Friendly, PDF & Email