Home Territorio Estero Arabia Saudita: ecco il piano d’azione per il clima 2030

Arabia Saudita: ecco il piano d’azione per il clima 2030

731


Download PDF

Lo ha presentato il ministro dell’Energia principe Abdulaziz bin Salman

L’Arabia Saudita ha annunciato i progressi della sua Saudi Green Initiative (SGI) in base alla quale il Regno prevede di piantare oltre 600 milioni di alberi, proteggere il 30% della terra e del mare del paese dai cambiamenti climatici e costruire un impianto mondiale di idrogeno verde.

Il ministro dell’Energia, il principe Abdulaziz bin Salman, ha discusso gli aggiornamenti al forum SGI del paese a margine della COP27 a Sharm el-Sheikh, in Egitto.

Inaugurata nell’ottobre 2021 dal principe ereditario Mohammed bin Salman, la SGI è una tabella di marcia per l’azione per il clima dell’Arabia Saudita, che apre la strada al piano del Regno di raggiungere emissioni nette zero entro il 2060.

Nell’ultimo anno, l’Arabia Saudita ha accelerato il ritmo della sua azione per il clima,  aumentando il numero di alberi che pianterà di oltre 150 milioni dall’obiettivo iniziale di 450 milioni entro il 2030, ha riferito sabato l’agenzia di stampa statale SPA.

C’è, inoltre, l’impegno del Paese a ridurre le emissioni di 278 mtpa entro il 2030 attraverso l’approccio Circular Carbon Economy (CCE). In linea con l’ambizione di raggiungere il 50% di capacità di generazione di energia da fonti rinnovabili entro il 2030. Sono in fase di sviluppo 13 nuovi progetti di energia rinnovabile con una capacità totale di 11,4 GW, per un valore di investimento stimato di 9 miliardi di dollari USA (34 miliardi di SAR).

I progetti, una volta operativi, dovrebbero ridurre di circa 20 milioni di tonnellate di CO2e all’anno.

A sostegno del raggiungimento dell’obiettivo di riduzione delle emissioni SGI e dell’ambizione del Regno di diventare il principale produttore ed esportatore a basso costo mondiale di idrogeno pulito, di cui è in costruzione il più grande impianto mondiale, che inizierà a produrre fino a 600 tonnellate al giorno nel 2026.

Aramco, SABIC e Ma’aden hanno ricevuto le prime certificazioni indipendenti al mondo che riconoscono la produzione di idrogeno blu e ammoniaca, consentendo ulteriormente la realizzazione di infrastruttura di esportazione dell’Arabia Saudita.

Nel suo discorso di apertura, il principe Abdulaziz bin Salman, ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, ha dichiarato:

“L’intero governo sta lavorando all’unisono per realizzare la Saudi Green Initiative. L’anno prossimo, metteremo a punto i piani per lo sviluppo di altri 10 progetti di energia rinnovabile e collegheremo ulteriori 840 MW di energia solare fotovoltaica alla nostra rete. Oggi annunciamo che all’inizio del 2023 lanceremo uno schema di accredito e compensazione dei gas serra per sostenere e incentivare gli sforzi e gli investimenti in progetti di riduzione e rimozione delle emissioni in tutti i settori del Regno”.

Durante il Forum SGI, il ministro dell’Energia ha annunciato la firma di un accordo di sviluppo congiunto con Saudi Aramco per uno dei più grandi hub pianificati di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) al mondo.

Il centro di Jubail Industrial City inizierà a funzionare entro il 2027 e sarà in grado di estrarre e immagazzinare 9 milioni di tonnellate all’anno di CO2 nella sua prima fase, supportando l’obiettivo di 44 tonnellate all’anno entro il 2035.

Il principe ereditario ha anche assistito al lancio di tre progetti pilota per la cattura e l’utilizzo del carbonio guidati da KAUST, NEOM e SEC; Alsafwa Cement Company e Ma’aden e Gulf Cryo, per promuovere l’attuazione del quadro dell’economia circolare del carbonio e ridurre le emissioni nei settori difficili da abbattere.

Al Forum, la Saudi Arabian Mining Company (Ma’aden), una delle compagnie minerarie in più rapida crescita al mondo e la più grande compagnia mineraria e multi-commodity del Medio Oriente, ha annunciato i suoi piani per esportare l’ammoniaca blu mentre cerca di supportare la transizione globale verso l’energia sostenibile.

Ma’aden ha ottenuto l’accreditamento per una quantità di 138.000 tonnellate di ammoniaca blu, che rappresenta una delle quantità più grandi approvate al mondo fino ad oggi, mentre la società sta anche cercando di decarbonizzare le sue operazioni esistenti adottando tecnologie di cattura del carbonio.

Durante il forum, Ma’aden ha firmato un accordo ventennale con Gulf Cryo per costruire e gestire un impianto di cattura dell’anidride carbonica presso il Ma’aden Phosphate Complex nella città industriale di Ras Al Khair.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.