Home Territorio Estero Yemen: nuovi scontri tra tribù e Houthi ad al-Jawf

Yemen: nuovi scontri tra tribù e Houthi ad al-Jawf

751


Download PDF

La milizia filo iraniana saccheggia le terre dei clan locali

Nuovi conflitti si registrano tra alcune tribù yemenite e milizie Houthi nel governatorato di Al-Jawf, nel nord del Paese. Fonti locali hanno riferito che il 10 novembre violenti scontri sono scoppiati tra le tribù di “Dhu Muhammad” e “Dhu Hussein”, a ovest di Al-Jawf.

Hanno aggiunto che le milizie Houthi stanno cercando di impadronirsi delle terre delle tribù per attuare una sostituzione demografica nella regione portando i loro seguaci dal Governatorato di Saada.

Nel frattempo, un alto funzionario della provincia ha confermato alla Tv “Al-Arabiya” che ci sono stati morti e feriti durante da entrambe le parti, incluso un uomo delle tribù di “Dhu Muhammad”, contro cui le milizie hanno portato decine di veicoli militari e equipaggiamento pesante e droni esplosivi.

Gli attacchi Houthi hanno preso di mira anche le case delle tribù Dhu Muhammad nell’area di Mazab. Le milizie stanno cercando di impossessarsi delle terre dell’area di Al-Muhashima dopo aver cacciato i loro residenti.

È interessante notare che utilizzano le vaste reti di mine che hanno installato nelle terre delle tribù come mezzo per controllarle, poiché si rifiutano di rimuoverle.

Nel frattempo, il nuovo governatore di Al-Jawf, il maggiore generale Hussein Al-Aji Al-Awadi, ha rinnovato l’appello delle tribù Al-Jawf e Bakil a mobilitarsi contro la milizia Houthi e fermare le sue pratiche volte a distruggere il tessuto sociale delle tribù e a controllare vaste aree delle fertili terre agricole della regione.

Le tribù Hamdan, a est del governatore di Al-Jawf, hanno risposto la scorsa settimana a una campagna Houthi simile, uccidendo decine di miliziani Houthi e distruggendo diversi mezzi blindati.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.