Home Territorio Al via collaborazione Reggia di Caserta e La Venaria Reale di Torino

Al via collaborazione Reggia di Caserta e La Venaria Reale di Torino

3502
Reggia di Caserta


Download PDF

Restauro di opere della Reggia che saranno oggetto di tesi di laurea degli studenti di Venaria

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Reggia di Caserta.

A seguito della convenzione triennale stipulata il 9 febbraio 2018 tra la Reggia di Caserta  e la Fondazione Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale, è stata ritirata ieri, 14 marzo, dai tecnici piemontesi la prima opera che dà inizio alla collaborazione.
L’olio e terracotta su tela di Anselm Kiefer che fa parte della collezione ‘Terrae Motus’, è la prima opera ad essere oggetto del restauro didattico, realizzato dai docenti e dagli studenti del corso magistrale di Laurea in Conservazione e Restauro dell’Università di Torino, che ha sede presso il CCR de La Venaria Reale.

Essa si ispira alla famosa battaglia di Waterloo, 18 giugno 1815, che segna la fine dell’epopea di Napoleone Bonaparte. Lungo il margine superiore, la scritta ‘Et la terre tremble encore, d’avoir vu la fuite des géants’, tratta dall’‘Espiazione’ di Victor Hugo, che allude al mito della caduta dei giganti che avevano tentato di raggiungere l’Olimpo per sostituirsi agli dei.

Per l’autore la natura è indifferente al dolore degli uomini, ma sia gli eventi umani che quelli naturali producono una ferita nella storia, espressa nell’opera attraverso le crepe della massa di creta in primo piano.

Anselm Kiefer, Et la terre tremble encore, d’avoir vu la fuite des géants, 1982 olio e terracotta su tela (130 x 170 x 10 cm) Collezione Terrae Motus
Anselm Kiefer, Et la terre tremble encore,
d’avoir vu la fuite des géants, 1982
olio e terracotta su tela (130 x 170 x 10 cm)
Collezione Terrae Motus

Nei giorni scorsi è stato inoltre consegnato alla ditta OMOU Scarl di San Leucio del Sannio il dipinto del pittore e scenografo Antonio Joli raffigurante l’interno di una Reggia decorata con statue e figure di guerrieri in partenza.

L’opera, a lungo in sottoconsegna al Palazzo Reale di Napoli, fu riportata a Caserta nel 2012; tuttavia a causa delle precarie condizioni e da allora è rimasta coperta da velinatura a protezione della superficie pittorica in attesa di intervento.

Il dipinto di Ioli, ancora soggetto di studio, è databile tra il 1766 e il 1772 e fa forse parte della serie di capricci dipinti dal pittore modenese per la Stanza del baciamano del Palazzo Reale di Napoli oppure potrebbe raffigurare Enea che abbandona Didone, bozzetto per una scenografia della ‘Didone abbandonata’, rappresentata al Teatro San Carlo il 20 gennaio 1764.

Antonio Joli, Atrio Regio con figure in costume classico, 1766-1772 olio su tela, (155 x 175 cm) Inv. n. 719 [Caserta, 1874]; n. 317 [Caserta, 1905]
Antonio Joli, Atrio Regio con figure in costume classico, 1766-1772
olio su tela, (155 x 175 cm)
Inv. n. 719 [Caserta, 1874]; n. 317 [Caserta, 1905]
Print Friendly, PDF & Email