Home Territorio Estero Yemen: Governo, armi sequestrate in Mare Arabico dirette agli Houthi

Yemen: Governo, armi sequestrate in Mare Arabico dirette agli Houthi

301


Download PDF

Il regime iraniano sta minando gli sforzi per la pace fornendo armi ai ribelli

Il Governo legittimo yemenita si dice convinto che le armi sequestrate su una nave al largo del Mar Arabico siano state inviate dall’Iran ai ribelli Houthi, dopo che un funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha rivelato che le indagini preliminari della Marina USA hanno rilevato che la spedizione di armi proveniva da Teheran.

Il Ministro yemenita dell’Informazione, Muammar Al-Eryani, ha sottolineato che i risultati confermano il coinvolgimento di Teheran nel sostegno alle milizie e la loro manomissione degli sforzi di pace.

Ha inoltre invitato la comunità internazionale a prendere una posizione ferma contro le continue interferenze iraniane.

Domenica sera, 9 maggio, un funzionario del Pentagono ha annunciato all’agenzia di stampa “Associated Press” che le indagini indicano che la nave proveniva dall’Iran.

La Quinta Flotta della Marina degli Stati Uniti aveva reso noto che l’incrociatore missilistico “USS Monterrey” aveva confiscato una spedizione illegale di armi da una nave sconosciuta in acque internazionali nel Mar Arabico del Nord il 6 maggio.

La spedizione includeva decine di missili guidati anticarro di fabbricazione russa, migliaia di fucili d’assalto cinesi di tipo 56, centinaia di mitragliatrici PKM, fucili di precisione e lanciarazzi.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.