Home Territorio Estero Yemen: attentato al gasdotto di Shabwa

Yemen: attentato al gasdotto di Shabwa

517


Download PDF

La rete della provincia è costantemente esposta ad una serie di atti di sabotaggio

Domenica sera, 24 aprile, uomini armati non identificati hanno fatto saltare in aria un gasdotto nell’area desertica di Al-Nashima, nel governatorato di Shabwa, nel sud-est dello Yemen.

Fonti locali hanno riferito che l’attacco ha preso di mira il gasdotto che si estende dai campi della Safer Company nel Governatorato di Marib al porto di Balhaf per l’esportazione sulla costa del Governatorato di Shabwa.

La forte esplosione avvenuta nella zona di confine amministrativo tra i distretti di Mayfa’a e Rudum a Shabwa, ha provocato lo scoppio di un incendio e l’intensificarsi delle fiamme che si sono viste a diversi chilometri di distanza, nonostante il gasdotto fosse fuori servizio da anni.

Ha anche aggiunto che l’attacco ha preso di mira la condotta della compagnia di gas liquefatto “Safer” nel chilometro 8 nell’area 256, che collega dall’impianto petrolifero Safer nel governatorato di Marib al porto di Balhaf nel governatorato situato a sud del Paese.

La rete di oleodotti e gasdotti nel governatorato di Shabwa è costantemente esposta a una serie di esplosioni e atti di sabotaggio che provocano grandi perdite.

Né le autorità locali del governatorato né la compagnia di gas liquefatto “Safer” hanno rilasciato alcuna dichiarazione in merito all’incidente, né alcuna parte ha rivendicato la responsabilità dell’attentato.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.