Home Territorio Estero Yemen: Al-Eryani attentato Houthi a Taiz massacro orribile

Yemen: Al-Eryani attentato Houthi a Taiz massacro orribile

483
al-Eryani


Download PDF

Il commento del Ministro dell’Informazione yemenita

Il Ministro dell’Informazione yemenita, Muammar Al-Eryani, ha condannato l’efferato massacro commesso dalle milizie Houthi sostenute dall’Iran, sabato 30 ottobre, bombardando il quartiere di Al-Kanab a Taiz con un proiettile di artiglieria dalle loro postazioni alla periferia della città.

In una serie di tweet, Al-Eryani ha spiegato che l’attentato del quartiere residenziale ha provocato l’uccisione di 3 bambini di una famiglia, Mahmoud, Hamid e Laila Mustafa Abdel-Daem e il ferimento di altri 6, alcuni dei quali sono in gravi condizioni.

Ha anche sottolineato:

Questo orribile massacro è un’estensione delle uccisioni quotidiane e sistematiche commesse dalle milizie terroristiche Houthi contro civili innocenti, bambini, donne e anziani in vari governatorati yemeniti dal suo colpo di stato, alla luce del vergognoso e ingiustificato silenzio della Comunità internazionale e delle organizzazioni e degli organismi per i diritti umani.

Ha inoltre invitato la Comunità internazionale, le Nazioni Unite, gli organismi per i diritti umani e gli inviati dell’ONU e degli Stati Uniti a emettere una condanna chiara ed esplicita di questo efferato massacro come crimine di guerra e crimine contro l’umanità e a lavorare rapidamente per classificare gli Houthi come “organizzazione terroristica”, per perseguire i suoi leader come criminali di guerra e per garantire che non rimangano impuniti.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.