Home Territorio Estero Yemen: 30 immigrati morti per incendio a Sana’a

Yemen: 30 immigrati morti per incendio a Sana’a

206


Download PDF

Intossicati altri 170, di cui 90 in gravi condizioni, per le fiamme scoppiate nel centro di detenzione gestito dai ribelli Houthi

L’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, OIM, ha annunciato la morte di decine di migranti africani a causa di un incendio scoppiato in un centro di detenzione nella capitale yemenita, Sana’a, che è sotto il controllo della milizia Houthi.

L’Organizzazione, in una serie di tweet, ha dichiarato che l’incendio ha provocato la morte di otto persone, sottolineando che i rapporti indicano che il numero totale di deceduti è molto più alto. Ha spiegato di aver fornito assistenza sanitaria di emergenza a più di 170 feriti, di cui oltre 90 in gravi condizioni, indicando che il suo team sta anche distribuendo cibo alle persone colpite.

L’OIM ha riferito che la causa del divampare delle fiamme nel centro di detenzione non è ancora chiara, sottolineando che questo incidente è uno dei tanti pericoli che i migranti hanno dovuto affrontare negli ultimi sei anni di crisi in Yemen.

Altre fonti, citate dalla piattaforma mediatica “Yemen Future“, hanno riferito del trapasso di almeno 30 migranti africani e il ferimento di altri 170, di cui 90 in condizioni critiche a causa dell’incendio. Una dichiarazione degli Houthi ha affermato che l’incendio è scoppiato alle 14:30 di ieri 7 marzo nel centro di accoglienza per immigrati clandestini, causando la morte e il ferimento di alcuni di loro e dei dipendenti dell’Autorità per l’immigrazione e i passaporti. Si ribadisce che le indagini sono ancora in corso per determinare la causa dell’incendio.

Print Friendly, PDF & Email
Redazione Arabia Felix

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.