Home Territorio ‘Un delitto avrà luogo’ al Teatro Gioiello

‘Un delitto avrà luogo’ al Teatro Gioiello

555
'Un delitto avrà luogo'


Download PDF

In scena a Torino dal 5 all’8 ottobre

Riceviamo e pubblichiamo.

Prima nazionale e apertura della stagione, giovedì 5 ottobre alle ore 21:00, con repliche fino all’8 ottobre, al Teatro Gioiello di Torino, per il nuovo giallo prodotto dalla Compagnia Torino Spettacoli: ‘Un delitto avrà luogo’ di Agatha Christie, adattamento Leslie Darbon, traduzione Edoardo Erba, per la regia di Girolamo Angione. La scena è di Gian Mesturino.

Lo spettacolo fa parte della programmazione di FDF Entertainment.
Ecco il cast dei Beniamini Torino Spettacoli: Carlotta Iossetti, Elia Tedesco, Simone Moretto, Elena Soffiato, Patrizia Pozzi, Barbara Cinquatti, Elisabetta Gullì e Luca Simeone.

Un delitto avrà luogo è presentato in accordo con Concord Theatricals Ltd per conto di Samuel French Ltd e in accordo con Arcadia & Ricono Ltd.

Con trent’anni di specializzazione in Agatha Christie al suo attivo – ‘Trappola per topi’, ‘La tela del ragno’, ‘Assassinio sul Nilo’ e ‘Caffè nero per Poirot’ – e dopo il successo della passata stagione con ‘L’ospite inatteso’, replicato nei Teatri Erba, Alfieri e Gioiello, la Compagnia Torino Spettacoli firma appunto la nuova attesa produzione ‘Un delitto avrà luogo’.

Quel venerdì 29 ottobre 1950, nel tranquillo villaggio di Chipping Cleghorn la notizia s’era diffusa in un baleno: alle 18:30 a Little Paddocks, il villino della signora Blacklock, avrebbe avuto luogo un delitto.

Qualcuno – già, ma chi e, soprattutto, perché? – s’era premurato d’annunciarlo sul giornale locale con una inserzione a pagamento: ‘Un delitto avrà luogo venerdì 29 ottobre alle 18:30 a Little Paddocks. Si prega di prender nota di questo avvertimento che non sarà più ripetuto’.

Via, un delitto non si annuncia. E poi, perché un delitto proprio lì, a casa di una anziana e tranquilla signora che non ha nulla da nascondere? La storia intriga, la curiosità è tanta: sarà di sicuro uno scherzo, un nuovo gioco di società… Così alle 18:30 nel salotto di Letizia Blacklock c’è una piccola folla di amici, giunti con le scuse più inverosimili. Sembra tutto normale: due chiacchiere, un the, una tartina, un bicchierino di cherry… finché, alle 18:30 in punto, salta la corrente e, nel buio, qualcuno spalanca la porta e grida: ‘mani in alto!’, fa roteare il fascio di luce di una torcia, poi spara tre colpi di pistola e cade a terra, morto.

No, non è uno scherzo né un gioco di società. Il delitto c’è stato davvero. Ma cosa è successo realmente? E che ci fa lì, il cadavere d’un ragazzo che nessuno conosce?

La polizia brancola nel buio ed è pronta ad archiviare il caso. Miss Marple, invece, non si perde d’animo e inizia pazientemente a ricostruire il microcosmo di figure che ruotano attorno a Little Paddocks e alla sua castellana, l’enigmatica Letizia Blacklock. Che s’ostina a negare d’esser lei la vittima predestinata.

È a questo punto, come al solito – anzi, meglio del solito – che entra in gioco la maestria di Agatha Christie, bravissima a fornire all’ineffabile Miss Marple la più classica galleria di personaggi da indagare: Patrick Simpson, eterno studente e sua sorella Giulia; Filippa, giovane madre e orgogliosa vedova di guerra; la svampita Bunny, amica sfortunata di Letizia Blacklock; la cuoca Mitzi, irascibile profuga dall’Est-Europa; e la signora Swettenham con suo figlio Edmund, aspirante scrittore offeso dalle ingiustizie del mondo.

I personaggi sono caratterizzati con molta vivacità e come al solito la Christie offre molti spunti di simpatico umorismo; si ride spesso e, nonostante l’indagine in corso, la vicenda scorre leggera e brillante: più che dal sospetto, tutti sembrano animati dal desiderio di rimuoverlo e far finta che nulla sia accaduto. Ma non si può.

Emergono, poco a poco, frammenti d’un passato che si vorrebbe sepolto per sempre: una lunga permanenza all’estero, una malattia che deturpa, la morte d’una parente che non doveva morire e, soprattutto, una cospicua eredità che attende ancora d’essere assegnata.

Eppure, per dare un senso a questo delitto annunciato come fosse uno spettacolo, non basta trovare un movente, non basta ricostruirne la dinamica, come s’ostina a fare la polizia; è necessario vedere oltre l’apparente normalità di queste persone, far luce sul passato di ciascuno di loro, recuperare frammenti di vita, persino cercare un volto rivelatore in una vecchia foto, per scoprire però che è misteriosamente scomparsa.

È l’ossessione di Miss Marple: questi individui sono realmente quelli che sembrano? Sono davvero chi dicono di essere? Qual è la loro vera identità? Rispondere, non è facile.

C’è stata la guerra che ha stravolto ogni cosa, distrutto gli archivi, lacerato ricordi e relazioni, separato le persone, mutato per sempre i destini. Il villaggio di Chipping Cleghorn è l’emblema del mondo dissociato e sconvolto del Regno Unito del dopoguerra. E ciò che accade a Little Paddocks ci rende l’immagine di un mondo che sta cambiando, di un presente incerto, di un futuro senza sicurezze.

Agatha Christie controlla da par suo, questo materiale magmatico: inventare intrecci complicati, disseminarli di colpi di scena, svelare retroscena inattesi e prevedere elaborati depistaggi è il suo talento maggiore.

Ma non l’unico: il fascino delle sue storie, e di questa in particolare, che attira da sempre schiere di lettori e di spettatori è di rivelare, al fondo di personaggi improntati alla più rassicurante normalità, il lato oscuro e inquietante della natura umana.

Agatha Christie è profondamente convinta della cattiveria dell’uomo, crede che il male sia insito in lui e lo porti a commettere azioni nefaste. Non un male etico, metafisico, no: molto più banalmente un componente della natura umana, un motore dei suoi comportamenti.

La sua idea del mondo è che le persone fanno cose terribili e ne pagano le terribili conseguenze: basta guardare in faccia alla realtà. E lo fa attraverso un genere letterario deliberatamente popolare e accessibile, a suo modo persino rassicurante: il colpevole verrà scoperto. Parola di Miss Marple.

La Compagnia Torino Spettacoli affonda le sue radici sessantennali nell’attività del grande pioniere Giuseppe Erba e nella sua straordinaria esperienza produttiva, in Italia e nel mondo. La Compagnia, che si avvale della direzione artistica di Irene Mesturino, è Impresa di Produzione Teatrale riconosciuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Tra i suoi filoni produttivi di maggior successo i gialli, i classici antichi, i capolavori di tutti i tempi e i testi contemporanei di divulgazione culturale, quali il best seller ‘Parlo italiano’.

Teatro Gioiello
via Colombo 31
Torino

‘Un delitto avrà luogo’
dal 5 all’8 ottobre 2023
da giovedì 5 a sabato 7 ottobre ore 21:00
domenica 8 ottobre ore 16:00
per la stagione teatrale di FDF Fabrizio Di Fiore Entertainment.

Acquisto biglietti su TicketOne giovedì e domenica €32,00 – venerdì e sabato €35,00.

Print Friendly, PDF & Email