Home Toscana Regione Toscana Toscana: incendio Monti Pisani, tutti gli aggiornamenti ora per ora

Toscana: incendio Monti Pisani, tutti gli aggiornamenti ora per ora

931
Incendio Monti Pisani


Download PDF

Tutti gli aggiornamenti sull’incendio in corso sul Monte Serra

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Aggiornamento delle ore 8:00 
Il Presidente della Regione Enrico Rossi si sta recando a Vecchiano (PI), nella sede comunale. Questo l’aggiornamento della situazione a Calci (PI) ed Avane, Comune di Vecchiano, delle ore 8:00 dalla sala operativa regionale.

Calci: dalle ore 07:00 sono operativi due canadair e un elicottero S64 della flotta nazionale e 3 elicotteri regionali.

Nel bosco operano decine di squadre del volontariato e degli operai forestali degli enti. Nella notte si sono alternati 4 direttori delle operazioni di spegnimento dell’organizzazione regionale ed altri 4 sono operativi stamani. Sono bruciati fino ad ora 700 ettari di bosco, ma la stima è provvisoria perché le fiamme sono ancora attive.

Avane (PI): qui sono in volo 2 elicotteri regionali e 1 canadair. A terra decine di squadre del volontariato e degli operai forestali degli enti. Presenti, come a Calci, squadre dei vigili del fuoco che presidiano le abitazioni. Sono andati in fumo 40 ettari di bosco. Le condizioni meteo non aiutano le operazioni di spegnimento perché anche per oggi, 26 settembre, è prevista una giornata ventosa.

Mercoledì 26 settembre 2018
Fuoco a La Cagnola

Situazione in movimento sul fronte di Calci: piccoli focolai si sono riattivati in località La Cagnola. Squadre a terra sono partite per intervenire.

Divieto di caccia
Il Presidente Rossi firmerà domani, 27 settembre, il decreto con il divieto di caccia in tutte le zone percorse dal fuoco e in quelle limitrofe dove gli animali hanno trovato riparo dagli incendi.

Gli uffici della Regione Toscana stanno in queste ore predisponendo l’atto a tutela della fauna.

Decisa evacuazione a Noce
Gli abitanti della frazione di Noce, nel comune di Vicopisano, erano già stati preallertati.

Attorno alle ore 18:00 del pomeriggio è stata decisa l’evacuazione. Gli sfollati complessivi al momento sono dunque settecento: trecento dei cinquecento di stamani, 26 settembre, chi non abitava in zone a rischio è tornato infatti a casa, a cui si aggiungono i quattrocento di Noce e delle case sparse nei dintorni.

Alcuni saranno ospitati in albergo, i più possono contare su una sistemazione autonoma.

Il vento torna ad alzarsi
A preoccupare è, soprattutto, ancora, il vento

spiega il Presidente della Toscana, Enrico Rossi, mentre fa il punto nel pomeriggio.

Era diminuito ma, ora, come peraltro atteso, si sta di nuovo rialzando.

Il consorzio Lamma conferma le previsioni già fatte stamane, che prevedono, infatti, un peggioramento delle condizioni in serata.

Dalle ore 22:00 ci saranno venti con una media di 25 km/h e con raffiche fino a 50 km/h.

Dalle ore 05:00 di domattina, 27 settembre, il fenomeno si attenuerà. In questo momento sono operativi sette mezzi statali, 5 canadair, 1 S64, e 1 chinook, oltre a due elicotteri del servizio anticendi della Regione Toscana, che però possono operare parzialmente per il forte vento in zona e continueranno ad operare finché la situazione lo consentirà.

I mezzi aerei continueranno il loro lavoro fino a sera, quando per motivi di sicurezza cesseranno le attività di volo.

Il rischio che il rogo attacchi una nuova vallata
Alle ore 17:15 gli interventi del chinook e dei due elicotteri del servizio anticendi regionale si concentrano sul fronte di Calci.

Sembrava quello che destava meno preoccupazione: il rischio è che, se il fuoco si allarga, possa attaccare una nuova vallata.

A Vicopisano, invece, il fuoco è attivo ma prescritto.

I punti critici sono due: uno sotto le antenne del Monte Serra, gestito dagli operatori a terra, e uno in località Noce nel Comune di Vicopisano, al confine con il Comune di Calci, dove stanno operando i mezzi nazionali.

Proclamato lo stato di emergenza
Il Presidente Enrico Rossi è rientrato a Firenze e ha firmato il decreto che attiva lo stato di emergenza regionale e destina €200.000,00 per coprire le spese di soccorso e assistenza.

Tutti al lavoro in attesa del peggioramento meteo
Il lavoro di spegnimento prosegue sia sul fronte di Calci che su quello di Vicopisano.

Il vento al momento si è calmato. I soccorritori stanno cercando di sfruttare al massimo la finestra metereologica favorevole prima del peggioramento atteso in serata.

Chiesto supporto contro gli sciacalli
l Sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti, informa che la grande maggioranza dei cittadini evacuati stanotte ha trovato sistemazione presso parenti e amici.

Sono rimaste solo 30 persone, che sono state alloggiate per la notte in alberghi o strutture ricettive.

Il Sindaco invita i curiosi a non intralciare i lavori degli operatori ed evitare di avvicinarsi all’area interessata per fare foto.

Chiede ai cittadini di non esporsi a rischi inutili cercando di rientrare nelle proprie abitazioni.

L’amministrazione comunale ha chiesto il supporto delle forze dell’ordine per operazioni anti-sciacallaggio.

Tutti i mezzi sono operativi
La sala operativa della protezione civile regionale allestita nel Comune di Calci segnala che tutti i mezzi aerei previsti sono arrivati e sono operativi e sul luogo dell’incendio stanno intervenendo 350 volontari, oltre a squadre di operai forestali e vigili del fuoco arrivati da tutta la Toscana.

Alcune squadre di vigili del fuoco anche da Emilia e Lombardia.

Le due criticità
Alle ore 14:00 l’incendio è in fase di contenimento, ma la sala operativa indica due criticità: la prima è una ripresa dell’incendio nel punto iniziale, la seconda riguarda l’area al confine tra Calci e Vicopisano, dove le squadre di operatori stanno contenendo l’incendio, ma le fiamme minacciano alcune case sparse sul lato di Vicopisano.

Sono state allertate, per una possibile evacuazione in serata, altre 300 persone nel comune di Vicopisano.

Tre intossicati lievi
Ci sono tre intossicati lievi, abitanti della zona: due sono già stati accolti nel centro per gli sfollati, mentre il terzo è tutt’ora all’ospedale di Pisa, anche se le sue condizioni non sono gravi.

Il 118 della Toscana ha inviato un medico al Centro Operativo Comunale, COC, di Calci a rappresentare la Funzione Sanità prevista nei protocolli della protezione civile regionale.

Sul posto la Centrale operativa ha inviato una ambulanza medicalizzata, due ambulanze con defibrillatore, BLSD, con soccorritori volontari a bordo, abilitati all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico, DAE, per soccorso sanitario e due pulmini per evacuare eventuali abitanti.

Alle ore 11:30 la conferenza stampa per fare il punto
Il Presidente Enrico Rossi ha convocato una conferenza stampa per le ore 11:30 di questa mattina presso il Comune di Calci, insieme a lui ci saranno il Sindaco, Massimiliano Ghimenti e il responsabile dell’antincendio della protezione civile regionale.

In questo momento Rossi e Ghimenti stanno facendo visita alla popolazione sfollata.

Intanto, il capo della protezione civile nazionale, Angelo Borrelli ha fatto sapere che uno dei due canadair pronti per partire è guasto, ma si prevede che ne arrivino comunque altri 3 per le ore 10:20.

Per le ore 10:40 è previsto l’arrivo di un chinook mentre, per fine mattinata, è atteso l’elicottero S64, in dotazione alla forestale, partito dall’aeroporto di Napoli Capodichino.

Le previsioni meteo per le prossime ore
Proseguirà anche oggi a soffiare il vento che da ieri sera sta spirando attorno a una media di 20 km/h, con raffiche tra 30,40km/h.

Lo annunciano le previsioni del LAMMA al quale il Presidente Rossi, da stamani a Calci per seguire le operazioni di spegnimento, ha chiesto un aggiornamento delle condizioni meteo.

Il vento, con direzione prevalente da nordest, risulta molto variabile sul sito dell’incendio, poiché questo situato sottovento al flusso e per ragioni morfologiche del rilievo.

Le previsioni per la giornata di oggi annunciano condizioni pressoché invariate, il che non faciliterà le operazioni.

Tuttavia, dalle ultime informazioni evidenziate dalla modellistica, tra le ore 12:00 e le ore 17:00, sembra possibile un’attenuazione del vento, con valori medi attorno a 15 km/h e raffiche attorno a 30 km/h.

In serata, sembra tornare ai valori attuali, che rimarranno per tutta la mattinata di domani, mercoledì.

Dal pomeriggio di domani graduale attenuazione.

Gli evacuati
Sono state evacuate le frazioni di Montemagno, Fontana Diana, San Lorenzo, Nicosia e Crespignana, per un totale di 70 famiglie, cioè 500 sfollati.

Rossi sul luogo dell’incendio
Il Presidente Enrico Rossi ha raggiunto Calci, sul cui territorio dalle ore 22:00 del 24 settembre, sta divampando un vasto incendio boschivo, alimentato da forti venti di tramontana, che sta interessando la zona dei monti Pisani alle porte di Pisa.

Sul posto anche gli Assessori regionali, Federica Fratoni e Marco Remaschi.

La protezione civile regionale, assieme al Comune di Calci, ha provveduto all’evacuazione e alla messa in sicurezza di numerose abitazioni minacciate dalle fiamme.

Print Friendly, PDF & Email