Home Territorio Rolli Days a Genova, i patrimoni dell’UNESCO

Rolli Days a Genova, i patrimoni dell’UNESCO

1261


Download PDF

II edizione: 28 e 29 maggio

Quest’anno ricorre il decennale del conferimento, da parte dell’UNESCO, di patrimonio dell’Umanità al sito “Le Strade Nuove e il Sistema dei Palazzi dei Rolli”, avvenuto il 13 luglio 2006.

Per festeggiare l’anniversario Genova propone 3 edizioni di Rolli Days, evento dedicato all’apertura dei palazzi e delle ville genovesi al pubblico. Un’occasione, dopo il recente successo della Notte dei Musei, per attirare curiosi ed interessati alla storia zeneize.

La prima edizione si è svolta il 2 e 3 aprile, con un’affluenza di circa 90.000 persone, la seconda il 28 e il 29 maggio mentre la terza sarà il 15 e il 16 ottobre.

I Rolli di Genova erano gli elenchi di tutte le dimore delle famiglie nobili genovesi che, durante la Serenissima Repubblica di Genova, venivano messe a disposizione per ospitare le personalità in visita per incontri politici ed economici. Vennero costituiti nel 1576, dopo che il principe ed ammiraglio Andrea D’Oria ordinò la ristrutturazione urbanistica della città, ed erano ordinati in tre categoria a seconda delle dimensioni, della bellezza e dell’importanza. In base a questi criteri, ogni struttura poteva ospitare cardinali, principi, feudatari, ambasciatori e governatori. Solo tre palazzi potevano, però, accogliere le più alte personalità: infatti una disposizione dei Rolli prevedeva che solamente le abitazioni di Gio Batta D’Oria, di Nicolò Grimaldi e Franco Lercari in Strada Nuova, potessero accogliere l’Imperatore, il re o il Papa.

L’abitazione della famiglia Lercari fu fatta erigere a partire dal 1571 da Franco Lercari e al suo interno custodisce un vero e proprio capolavoro: l’affresco di Luca Cambiaso, uno dei più grandi pittori emersi dalla terra ligure. Inoltre, vi sono ancora i busti di Franco Lercari e di sua moglie, Antonia de Marini. Dal 1845 la struttura è di proprietà della famiglia Parodi.

Il Palazzo Doria-Tursi, fatto costruire da Nicolò Grimaldi nel 1565 e oggi sede del Comune di Genova, è il fiore all’occhiello di via Garibaldi. L’ingresso, con lo stemma della città, accoglie i visitatori, che si trovano subito in un cortile a pianta rettangolare, in cui vi sono i nomi di tutti i quartieri genovesi, da ponente a levante, e nelle sue stanze si tengono oggi le sedute del consiglio comunale e delle varie commissioni. L’edificio è divenuto di proprietà di Andrea Doria nel 1597.

Anche diverse ville fanno parte dei Rolli genovesi, tra queste Villa Salluzzo Serra, antico edificio acquistato da Saluzzo nel 1611 e passata, all’inizio del XIX secolo, alla famiglia Serra. Dopo la seconda metà del ‘700 l’abitazione fu ampliata con l’aggiunta delle ali laterali e delle sculture esterne che ancora oggi sono presenti. Dal 1928 la struttura ospita la Galleria d’Arte Moderna, GAM.

Vicino al GAM vi è Villa Grimaldi Fassio, risalente al ‘500. Nel 1956 fu acquistata dall’armatore Fassio e ristrutturata completamente. Successivamente, il Comune di Genova acquistò la villa ed il pardo e, dal 1993, al suo interno sono custodite le Raccolte Frugone. Il parco è oggi in stile inglese ed accoglie un bellissimo e romantico roseto.

Nella zona di Ponente, invece, spicca su tutte Villa del Principe, tuttora considerata una delle più suggestive del genovese. Fatta erigere e successivamente abitata da Andrea Doria, storico ammiraglio ed importante uomo politico europeo durante la prima metà del XVI secolo, fu concepita come una corte rinascimentale, seguendo quasi lo stile della reggia di Versailles. Vi soggiornarono illustri uomini come Carlo V e Filippo II.

I Palazzi dei Rolli, ancora oggi, riescono a rappresentare al meglio l’urbanistica genovese dell’antica Repubblica: grandi e nobili famiglie che, nel concorrere per decorare e dar sfarzo alle proprie abitazioni, hanno reso ricca e raffinata la città di Genova.

Un’occasione, quella dei Rolli Days, da non perdere per tornare al periodo della Repubblica di Genova e poter ammirare il lustro donato alla città dalle famiglie cinquecentesche genovesi. L’evento si ripeterà ad ottobre, con la terza ed ultima edizione.

rolli

Print Friendly, PDF & Email

Autore Tommaso Pinazzi

Tommaso Pinazzi, ragioniere, da sempre appassionato di giornalismo, attento alla politica, alla cultura e allo sport.