Home Territorio Regno di Nettuno, recuperata rete fantasma di 100 mt nel mare di...

Regno di Nettuno, recuperata rete fantasma di 100 mt nel mare di Ischia

235
rete fantasma


Download PDF

Continuava ad avere un impatto negativo sull’ecosistema, oggi l’operazione di prelievo: liberate stelle marine e granchi

Riceviamo e pubblichiamo.

Una rete abbandonata di centro metri di lunghezza lineari è stata recuperata stamattina, 19 gennaio, nel mare di Ischia (NA), lungo la parete rocciosa di punta San Pancrazio, in località Chiana delle Cernie.

La rete fantasma continuava ad esercitare un impatto negativo sull’ecosistema, secondo il fenomeno del cosiddetto ‘ghost fishing’: tra le sue maglie sono stati trovati e liberati granchi e stelle marine ancora vivi, oltre a un consistente quantitativo di pesci sotto taglia morti.

Coordinata dal personale dell’area marina protetta ‘Regno di Nettuno’, con la collaborazione dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Ischia, Carolina Monti, l’operazione è stata messa a punto insieme allo staff dell’ANS Diving e a alcuni pescatori particolarmente sensibili al problema, che hanno messo a disposizione il loro peschereccio per consentire il recupero della rete da cianciola, il cui utilizzo è peraltro vietato nel punto interessato, che ricade nella zona B dell’area marina protetta.

Spiega il Direttore del Regno di Nettuno, Antonino Miccio:

Alla pluralità dei pescatori che operano all’interno della nostra area marina protetta chiediamo un’attenzione maggiore per gli ecosistemi marini.

L’abbandono di attrezzi da pesca nei nostri mari è una criticità rilevante: si stima che in tutto il mondo siano 640 mila le tonnellate di reti fantasma che vengono perse o abbandonate ogni anno in mare, il 10% di tutti i rifiuti marini.

Quelle reti continuano a intrappolare, inutilmente, pesci, molluschi e crostacei.

Print Friendly, PDF & Email