Home Territorio ‘Raccontaci la tua Reggia’, chiuso sondaggio per Piano Gestione UNESCO

‘Raccontaci la tua Reggia’, chiuso sondaggio per Piano Gestione UNESCO

274
Reggia di Caserta


Download PDF

Evidente il legame intessuto tra il Complesso e la comunità di riferimento

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Reggia di Caserta.

Si è concluso il sondaggio ‘Raccontaci la tua Reggia di Caserta’, formulato dalla società Artfiles – Progetti Strategici per l’Arte e la Cultura nell’ambito dell’elaborazione del Piano di Gestione UNESCO, un progetto finanziato con la Legge 77/2006.
La Reggia di Caserta, insieme all’Acquedotto Carolino, il Bosco di San Silvestro e il Belvedere di San Leucio, costituisce un patrimonio inestimabile, iscritto nella lista del Patrimonio UNESCO dal 1997.

La finalità del sondaggio è stata prestare ascolto alla comunità che gravita intorno alla Reggia di Caserta e al sito UNESCO, da coloro che che ci lavorano ogni giorno ai residenti dell’area casertana, dalle imprese e associazioni attive nel territorio ai visitatori italiani e internazionali.

Distribuito in forma cartacea e digitale, grazie all’uso di QR code e alla condivisione sui canali social, e diffuso all’interno e all’esterno delle Reggia, il sondaggio ha ricevuto una risposta entusiastica e intensa dei partecipanti, con punti di vista, impressioni e desideri che saranno posti alla base degli orientamenti strategici del Complesso borbonico.

Molti gli spunti interessanti emersi dalle 501 risposte ricevute. È evidente il legame intessuto tra il Complesso e la comunità di riferimento. Il valore della Reggia di Caserta per la cittadinanza è testimoniato dalla nutrita partecipazione delle comunità più prossime: il 39% dei rispondenti risiede nei comuni del sito UNESCO e il 19% in altre località campane.

Per molti, infatti, oltre a essere una testimonianza di cultura rilevanza internazionale, è anche un luogo ricco di ricordi, 23%. Un numero altissimo di rispondenti, il 57%, poi, ha visitato la Reggia di Caserta oltre 10 volte, dimostrando che essa costituisce la quotidianità delle persone che risiedono nelle vicinanze.

Print Friendly, PDF & Email