Home Territorio PSR, la Regione Campania supera il target di spesa 2018

PSR, la Regione Campania supera il target di spesa 2018

560
PSR Campania 2014-2020


Download PDF

De Luca: ‘La Campania si conferma tra le regioni italiane virtuose nell’utilizzo dei fondi europei destinati all’agricoltura’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Campania.

Con una spesa pubblica di €313.946.254,22, il PSR Campania ha superato, con largo anticipo rispetto alla scadenza del 31 dicembre, il target di spesa 2018 fissato dall’Unione Europea per evitare il disimpegno automatico delle risorse ed è già al lavoro per l’obiettivo del 2019. È la prima volta che il PSR Campania raggiunge il target tre mesi prima della scadenza.
Con gli ultimi decreti di liquidazione di Agea, pari ad 8,5 milioni di euro, l’Amministrazione regionale ha scongiurato il rischio di perdere risorse sulla dotazione finanziaria del Programma, pari a 1.812,5 milioni.

Dichiara il Presidente De Luca:

La Campania si conferma tra le regioni italiane virtuose nell’utilizzo dei fondi europei destinati all’agricoltura. Con le risorse immesse nell’agricoltura, abbiamo favorito e puntiamo a favorire il ricambio generazionale nelle imprese, una maggiore innovazione di prodotto e processo, una più marcata cooperazione tra gli operatori e l’adozione di regimi di qualità.

Insomma, è proprio grazie al PSR se la nostra agricoltura sta diventando più moderna e competitiva, in grado di generare sviluppo ed occupazione per i territori dell’intera regione.

Aggiunge Franco Alfieri, capo della segreteria del Presidente:

È stata una lunga e faticosa corsa contro il tempo siamo partiti a rilento per poi accelerare nell’anno in corso: basti pensare che dal 1° gennaio ad oggi, la spesa pubblica sul Programma è stata di ben 204.121.609,87 di euro con un avanzamento medio mensile di 20.412.160,99.

Da gennaio siamo, tra le Regioni Agea, quella con il più elevato incremento di spesa.

Il superamento del target di spesa è un risultato tutt’altro che scontato, se si considera che il Programma è stato approvato solo nel dicembre 2015, a causa dell’inerzia della precedente Amministrazione, ed è stato possibile emanare i primi bandi solo nella primavera 2016, con circa due anni di ritardo.

Sottolinea Alfieri:

Abbiamo dovuto faticare più di altre Regioni nel superare la soglia del disimpegno perché, a differenza dei loro PSR, dove si è puntato, soprattutto sui trascinamenti dei progetti finanziati con la precedente programmazione, noi ci siamo concentrati su nuovi progetti. Insomma, per questa Amministrazione è stato tutto più rischioso, ma ne è valsa la pena perché abbiamo soddisfatto nuove esigenze e, dunque, una platea più ampia.

Tutto questo è stato possibile grazie al notevole impegno profuso dagli uffici centrali e provinciali dell’Assessorato all’Agricoltura e alla sempre più stretta collaborazione delle associazioni di categoria, degli ordini professionali e di tanti altri. Occorre proseguire lungo questa strada perché ci attendono nuovi ed importanti traguardi, non solo di spesa, da conseguire per rendere più forte e dinamico il nostro settore primario.

Print Friendly, PDF & Email