Home Campania Napoli Preliminari di Champions: Napoli-Athletic Bilbao 1-1

Preliminari di Champions: Napoli-Athletic Bilbao 1-1

598


Download PDF

napoli-athletic-bilbaoNella partita di andata valida per l’accesso ai gironi di Champions League il Napoli di Benitez, davanti al pubblico del San Paolo, non va oltre il pareggio compromettendo la qualificazione. Nel primo tempo meglio i baschi, che passano in vantaggio (40’) con Muniain. Nella ripresa l’Athletic Bilbao sembra poter controllare la partita, ma Higuín ristabilisce la parità (22’ st) con una magia. Nonostante le numerose occasioni create dopo il pareggio, il Napoli non trova la vittoria. Tutto sarà deciso nel match di ritorno che si disputerà il 27 agosto al San Mames.

 

LE FORMAZIONI. La porta degli azzurri è difesa da Rafael; in difesa Maggio e Britos, preferito a Ghoulam, sugli esterni e Koulibaly e Albiol al centro della difesa; Gargano, a sorpresa prefeito a Inler, e Jorgihno davanti alla difesa; nel reparto avanzato Insigne, Callejón e Hamšik alle spalle di Higuaín.

Valverde sceglie un modulo simile a quello azzurro: Iraizoz in porta porta; De Marcos, Gurpegi, Laporte, Balenziaga in difesa; Mikel Rico e Iturraspe in mediana, e Susaeta Beñat e Muniain a sostegno di Aduriz.

 

1° TEMPO. È il San Paolo delle grandi occasioni quello che accoglie i baschi nella sfida di andata valida per l’accesso ai gironi di Champions League.

La squadra di Benitez spinge subito in attacco e la prima occasione è sui piedi di Insigne, che, pescato da Jorginho al 6’, fallisce un’incredibile occasione da solo davanti al portiere. Il Napoli spinge ancora e al 16’ Britos, su cross di Callejón, manca di poco il pallone.

Al 27’ l’Athletic Bilbao va vicinissimo al vantaggio: dal calcio d’angolo La Porte colpisce di testa mettendo il pallone di pochissimo a lato. Ancora l’Athletic al 33’: Aduriz, perso dai centrali azzurri, è pronto a colpire di testa, ma Rafael è attento.

Minuto 40: dalla destra De Marcos serve Muniain, che di piatto destro batte Rafael gelando il San Paolo. La difesa azzurra non chiude e i baschi ne approfittano.

La prima frazione di gioco si conclude col vantaggio dei baschi. Dopo un avvio vivace il Napoli si spegne, concedendo troppo agli ospiti, che si dimostrano più aggressivi e in forma dei partenopei. Higuaín è un fantasma.

2° TEMPO. Il Napoli deve assolutamente reagire, ma è ancora la rappresentativa basca a creare problemi alla retroguardia azzurra: al 47’ Muniain impegna Maggio in un uno contro uno per poi calciare a lato. La squadra di Benitez è imprecisa e nervosa, i trequartisti sembrano fuori partita.

Il caloroso pubblico del San Paolo prova a scuotere la squadra, ma gli azzurri sono impacciati e inconcludenti. Nelle poche occasioni in cui gli azzurri si affacciano nella metà campo avversaria, i baschi sono bravi a mettere in fuorigioco i padroni di casa.

Benitez allora cerca di dare velocità alla manovra azzurra e al 60’ manda in campo Mertens al posto di uno spento Insigne, fischiato dal pubblico. il Napoli non è in buone condizioni fisiche e gli ospiti, ben organizzati, sembrano in grado di portare a casa la vittoria.

È il Pipita Higuaín al 68’, però, a riaccendere le speranze degli azzurri: al limite dell’area l’argentino controlla il pallone, salta due uomini, entra in area di rigore e incrocia sul secondo palo. 1-1! Magia di Higuaín! Il Napoli ci crede e dopo un minuto il pallone del possibile vantaggio è sui piedi di Callejón, servito dal Pipita, ma lo spagnolo da solo davanti al portiere mette fuori.

È un altro Napoli quello che si vede dopo il gol del Pipita: veloce, reattivo, volitivo. Benitez vuole la vittoria e manda forze fresche in campo: al 77’ esce Hamsik lasciando spazio al neo-acquisto Michu, più offensivo dello slovacco. Cambi anche per i baschi: San Jose per Benat; Ibai Gomez per Susaeta.

All’80’ Britos mette dentro, Michu potrebbe calciare di interno e portare gli azzurri in vantaggio ma, davanti a un pubblico incredulo, passa a Callejón, il cui tiro si infrange sulla difesa. Dopo due minuti gli azzurri ancora vicini al gol: Mertens dalla distanza impegna Irazoiz in una difficile parata.

Il Napoli gioca con intensità e con il cuore. All’84’ Mertens sulla sinistra salta un avversario e serve Higuaín al centro dell’area: il Pipita calcia a colpo sicuro ma il portiere compie un miracolo.  Nonostante le clamorose occasioni create, gli azzurri non riescono ad avere la meglio sui baschi. Tutto è rimandato al San Mames!

 

 

Carmelo Cutolo

Print Friendly, PDF & Email