Home Territorio Estero Percorsi di pace da Sant’Antimo a Kiev

Percorsi di pace da Sant’Antimo a Kiev

1710
Percorsi di pace


Download PDF

Studenti delle scuole coinvolgono la comunità di Sant’Antimo (NA) in un’iniziativa di sensibilizzazione per la pace in Ucraina

Le scuole dell’ambito 17 riunite in Rete CA.SA e le associazioni cittadine di Sant’Antimo (NA) hanno dato il via, con una marcia per la pace ad un’interessante iniziativa pro Ucraina, Percorsi di pace da Sant’Antimo a Kiev, che si concluderà il 13 maggio.

Lunedì 11 aprile alle ore 10:00 in piazza della Repubblica a Sant’Antimo, una rappresentanza di alunni delle scuole del territorio si è data appuntamento per sfilare contro la guerra in Ucraina insieme alle associazioni cittadine: Anthimus, Mani amiche ETS, Coop Soc Dada Ghezo, Hinna atletica Sant’Antimo, Sorriso Azzurro Sant’Antimo ASD.

La marcia si è conclusa nello spazio antistante la Villa Del Rio, dove il dirigente scolastico della scuola capofila di Rete CA.SA, il professore Domenico Esposito ha coordinato e presentato le attività sulla pace proposte dagli alunni delle scuole partecipanti: IC ‘Romeo-Cammisa’, IC ‘Don Milani’, IC ‘Pestalozzi’,IC ‘Giovanni XXIII’, ISIS ‘G. Moscati’ e  Liceo Statale ‘Laura Bassi’.

Parole accorate e pregnanti di speranza, quelle dei discorsi pronunciati dai bambini e dai ragazzi di tutte le scuole presenti, alternate a poesie ed anche ai canti e agli inni nazionali italiano e ucraino del coro dell’IC ‘Romeo – Cammisa’.

Gridiamo, inneggiando al disarmo universale, subito!

La pace si costruisce abbattendo i muri dei nostri egoismi, mattone dopo mattone.

Il valore della vita sopra ogni cosa e per essa si possono accettare ragionevoli compromessi, che rispettino i diritti e le libertà fondamentali dell’uomo.

Tacciano le armi!

No alla guerra!

Pace subito!

Sono le parole proferite da Rosamaria Dell’Omo e da Nicolò Cimmino, rispettivamente Presidente e membro dello staff di Presidenza del Parlamento Studentesco dell’IC ‘Giovanni XXIII’, a cui hanno fatto seguito la declamazione dell’alunna Benedetta Di Laora della poesia ‘La luna di Kiev’ di Gianni Rodari e l’esibizione della violinista Francesca Mariniello.

Pregevole il contributo canoro delle due cantanti ucraine Alena Zhemchug e Anna Alisher, che ha commosso tutti i presenti.

Alena Zhemchug è una cantante, compositrice e produttrice musicale ucraina, che vanta la partecipazione a numerosi concorsi musicali, a festival e a concerti e in particolare al concorso canoro internazionale “Eurovision” con il brano ‘Hero’, con cui ha guadagnato la qualificazione come  finalista al girone nazionale, eseguito nel duo “PEARLS”.

Commossa ha dichiarato:

Sono grata di aver partecipare a questa manifestazione a sostegno della pace in Ucraina, dove ho avuto l’opportunità di cantare l’inno della mia nazione e la canzone popolare ucraina ‘Cuckoo’.

È stato fantastico vedere la partecipazione di bambini e ragazzi di tutte le età e ascoltare l’inno cantato dal coro dell’IC ‘Romeo- Cammisa’.

Anna Alisher è una cantante, compositrice, produttrice e regista ucraina, lìaltra componente del duo “PEARLS”. Vincitrice di concorsi internazionali e nazionali, autrice di sette videoclip molto noti nella televisione ucraina. Dal 2021 ha iniziato la carriera come cantante solista.

Le due artiste, insieme alla madre Galina Lifintseva, che attualmente lavora online presso l’Accademia Nazionale di Management della Cultura e delle Arti, sono state ospitate in un appartamento messo a disposizione da una famiglia santantimese.

Il progetto ‘Percorsi di pace’ prevede altri incontri: il 27 aprile e il 13 maggio.

Infatti, seguirà un concerto canoro e musicale, presso la Rettoria dello Spirito Santo di Sant’Antimo, a cura dell’associazione ‘Anthimus’, che ha avuto un ruolo preponderante nell’ideazione di quest’iniziativa.

Sostiene il Presidente, il professore Carmine Di Giuseppe:

L’intento della proposta non nasce dalla mera organizzazione di eventi in favore della pace, ma dall’impegno fattivo ed operoso di accoglienza concreta, grazie alla generosità della famiglia Mariniello, che ha messo a disposizione un appartamento ammobiliato, per ospitare una famiglia di rifugiate ucraine.

Importante sarà il loro coinvolgimento in attività culturali promosse dal territorio, per favorire una concreta integrazione.

Nella Basilica di Sant’Antimo si terrà l’evento conclusivo: la ‘Manifestazione della pace’, a cui parteciperanno tutte le scuole della Rete, con poesie, musica e canti riguardanti la pace.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Mariarosaria Casolaro

Mariarosaria Casolaro, docente di Lettere presso l'IC Giovanni XXIII di Sant'Antimo (NA), accanita lettrice, innamorata della vita e della sua famiglia.