Home Territorio ‘Ofelia o la macellazione degli animali domestici’ a Carrozzerie Not

‘Ofelia o la macellazione degli animali domestici’ a Carrozzerie Not

321
'Ofelia o la macellazione degli animali domestici'


Download PDF

In scena dal 28 febbraio al 3 marzo

Riceviamo e pubblichiamo.

Dal 28 febbraio al 3 marzo, ore 21:00, debutta in prima nazionale presso Carrozzerie Not a Roma, ‘Ofelia o la macellazione degli animali domestici’, performance dedicata all’animalità dell’essere umano, ovvero alla necessità di una nuova relazione col mondo, realizzata da Riccardo Vannuccini.

Annota Riccardo Vannuccini:

Tra uomo e animale è messa in prova a teatro una nuova presenza scenica. Ofelia, Amleto, i pesci nel fiume e il limite fra animalità e umanità, tra il sé e l’altro da sé. Diventare animale, diventare corpo, diventare artista. Dalla caccia all’allevamento, la commercializzazione dell’esistenza. Quando muore il padrone anche le bestie piangono.

La preda e il predatore, gli elicotteri e i pozzi petroliferi.
Le foglie che nascondono l’orso e la macellazione degli animali domestici. Tingersi i capelli, la faccia, per camuffarsi e avvicinarsi pericolosamente all’altro.

Il frigobar aperto e il teatro come concatenamento eterogeneo e in perpetuo squilibrio. Ofelia nuda, perché è comunque una femmina, quella di un altrove possibile.

Comprendere le cose dai resti. Elsinore, Palmira e il Messico, pietra dopo pietra. Un lavoro scenico sulla cosa non in quanto riflessione sulla cosa, ma in quanto semplice cosa. Ofelia al macello come fosse un animale è la cima visibile di uno spettacolo che resta nascosto.

L’animalità è intesa come pratica possibile del visibile. Una temporanea eclissi del tempo della comunicazione a favore di un tempo perso, non economico. Animalità a teatro come messa in prova di un processo dissolutivo che devia dall’idea di immortalità dell’essere umano e lo considera artefice – proprio attraverso il disfarsi del proprio corpo – di un processo generativo, femminile. Essere il corpo che si è e nient’altro. La performance è costruita con la tecnica del collage che in qualche modo ricorda la poetica cinese della raccolta di frasi del chu – chu.

Giovedì 28 febbraio, alle ore 19:30, il debutto dello spettacolo sarà preceduto da un incontro su ‘Filosofia dell’Animalità a Teatro’. Interverranno Felice Cimatti, Attilio Scarpellini, Andrea Porcheddu, Sergio Lo Gatto e Riccardo Vannuccini.

‘Ofelia o la macellazione degli animali domestici’ fa parte del Progetto triennale
‘Puah!’ A cura di riccardo vannuccini
Post Umano, Animalitas e Humanitas
Un progetto teatrale triennale sul post-umano che si ispira alle riflessioni tra gli altri di Felice Cimatti, Jacques Derrida, Giorgio Agamben e Antonin Artaud e prevede laboratori, performance, incontri dove la lezione artaudiana può essere ripresa in un senso assolutamente attuale di necessità contemporanea.

Ofelia o la macellazione degli animali domestici
Atto unico durata 70′ circa
Produzione Artestudio
Regista assistente Maria Sandrelli
Organizzazione Alba Bartoli Coordinamento progetto Caterina Galloni

Carrozzerie Not
via Panfilo Castaldi, 28
Roma

Dal 28 febbraio al 3 marzo ore 21:00

28 febbraio ore 19:30
incontro con Felice Cimatti, Attilio Scarpellini, Andrea Porcheddu, Sergio Lo Gatto e Riccardo Vannuccini su ‘Filosofia dell’Animalità a Teatro’

Biglietti:
intero €10,00 Ridotto €7,00+ €3,00 tessera associativa

Riccardo Vannuccini
Riccardo Vannuccini
Print Friendly, PDF & Email