Home Toscana Regione Toscana Navigator, reddito di cittadinanza collegato a sbocco lavorativo

Navigator, reddito di cittadinanza collegato a sbocco lavorativo

457
Convegno ANPAL


Download PDF

Gli interventi dell’Assessore regionale Grieco e del Presidente Nazionale ANPAL al convegno ‘Kick off, navigator’

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Da poco più di una settimana i navigator sono entrati nei Centri per l’impiego toscani e con oggi inizia ufficialmente il loro percorso di affiancamento agli operatori per l’attivazione dei beneficiari del reddito di cittadinanza.

Vedo un bel clima di entusiasmo e di partecipazione, che mi fa molto piacere. E la presenza del Presidente dell’ANPAL testimonia come tra Regioni ed ANPAL vi sia sintonia nella gestione e nel perfezionamento di questo iter. Questo è fondamentale.

Anche perché i navigator, che non sono dipendenti regionali, operano all’interno del sistema dei Centri per l’impiego facenti capo all’ARTI, l’agenzia regionale toscana per l’impiego, a dimostrazione proprio del fatto che il fare sistema, in questo caso, è decisivo.

L’intesa ricercata e raggiunta tra il livello nazionale e quello regionale è ormai una realtà. Questa collaborazione, in Toscana, serve a favorire l’operatività dei servizi per il lavoro ed è a favore della cittadinanza.

Ad affermarlo è stata l’Assessore regionale a Formazione, Istruzione e Lavoro, Cristina Grieco, aprendo questa mattina, lunedì 30 settembre, il convegno ‘Kick off, navigator’, espressione inglese che letteralmente significa ‘Calcio d’inizio, navigator’, organizzato dalla agenzia nazionale ANPAL in collaborazione con Regione Toscana ed Arti, l’agenzia toscana, dedicato alla presentazione del Piano regionale di assistenza tecnica della ANPAL Servizi ai Centri per l’impiego toscani nell’ambito del reddito di cittadinanza.

Al convegno, dove l’intervento dell’Assessore Grieco è stato incentrato su ‘Il modello di governance dei servizi per l’impiego in Toscana’, ha preso parte anche il Presidente nazionale dell’ANPAL, Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, Mimmo Parisi, che si è soffermato su ‘La figura del navigator nelle politiche attive per il reddito di cittadinanza’.

Parisi, sociologo e docente all’Università del Mississippi, Stati Uniti, è considerato il “padre” dell’esperienza dei navigator.

Concordanza tra l’Assessore Grieco e il Presidente Parisi si è registrata su diversi punti. In particolare, il reddito di cittadinanza, per entrambi, deve essere uno strumento necessario a dare la possibilità concreta a chi lo percepisce di entrare in un percorso proiettato realmente all’occupazione.

Inoltre, sia la Grieco che Parisi hanno evidenziato che

l’inserimento dei navigator in assistenza tecnica avviene dopo un percorso formativo degli stessi che è stato concepito per formarli in modo mirato

visto che devono affiancare gli operatori dei Centri per l’impiego.

La giornata è proseguita con focus ed interventi che sono serviti a fare il punto sul mercato del lavoro in Toscana e sulle politiche attive tese a rafforzarlo. Inoltre, è stato presentato il Piano regionale di assistenza tecnica della ANPAL Servizi ai Centri per l’impiego ed è stato posto l’accento sulle attività di assistenza tecnica che i navigator contrattualizzati dall’ANPAL Servizi si apprestano a svolgere presso i Centri per l’impiego toscani nell’ambito del reddito di cittadinanza.

Si è tenuta anche una tavola rotonda su ‘Il contributo dei navigator alle attività dei Centri per l’impiego nella gestione delle politiche per il reddito di cittadinanza’.

Secondo quanto emerso nel corso del convegno, l’attuazione del reddito di cittadinanza, in Toscana, ha trovato i Centri per l’impiego pronti a gestire la complessa sfida delle politiche attive per i suoi beneficiari. Prima in Italia, la Toscana ha fornito ai suoi Centri strumenti e metodi per la presa in carico di quanti, oltre 5 mila, si sono recati spontaneamente agli sportelli, mettendo a disposizione alcune funzionalità del proprio sistema informativo.

Mutuando, inoltre, la preziosa esperienza del Piano integrato per l’occupazione, i Centri per l’impiego toscani hanno approntato un set di servizi e politiche attive da erogare nell’immediato ai destinatari del reddito di cittadinanza.

Pertanto, secondo quanto evidenziato, in attesa dell’attuazione del Piano straordinario di potenziamento dei Centri per l’impiego e delle politiche attive del lavoro, che consente il rafforzamento degli organici e il potenziamento infrastrutturale, in quest o mese di settembre sono partite le convocazioni dei primi beneficiari, oltre 10 mila (per l’esattezza 10.593, ndr) i cui nominativi saranno a breve trasmessi alla piattaforma informatica di ANPAL.

Ad oggi, è stato detto, oltre 3 mila beneficiari (esattamente 3.371, ndr), hanno sottoscritto in Toscana un “patto per il lavoro” finalizzato a concretizzarsi, per loro, con una nuova e concreta occupazione lavorativa.

Print Friendly, PDF & Email