Home Campania Comune di Napoli Napoli Città per la Vita e contro la pena di Morte

Napoli Città per la Vita e contro la pena di Morte

285
Maschio Angioino illuminato di rosso


Download PDF

Il 30 novembre il Maschio Angioino si tinge di rosso in occasione della Giornata cittadina per la vita contro la pena di morte 

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

Il Comune di Napoli anche quest’anno ha accolto l’invito della Comunità di Sant’Egidio aderendo alla campagna mondiale ‘Città per la Vita / Città contro la pena di Morte’ – ‘Cities for life / Cities against the Death Penalty’ in favore dell’abolizione della pena di morte, celebrando per il 30 novembre la Giornata cittadina per la vita contro la pena di morte.

Dichiarano il Sindaco Luigi de Magistris e l’Assessore alle Politiche Sociali Monica Buonanno:

A Napoli celebriamo la vita incondizionatamente e ci opponiamo con forza allo strumento della pena di morte, punizione crudele, disumana e degradante che viola i diritti fondamentali dell’uomo.

Per questo motivo abbiamo aderito a questa iniziativa, promuovendo una giornata di sensibilizzazione e di riflessione sul tema, perché un Paese civile ha l’obbligo di tutelare i diritti inalienabili di ogni uomo, compresi quelli dei detenuti.

Per celebrare la giornata, verrà illuminato simbolicamente di rosso il Maschio Angioino ed è previsto, in modalità videoconferenza, un incontro dell’Assessore Buonanno con le realtà che si occupano dei diritti delle persone private della libertà.

Concludono:

I valori di uguaglianza e solidarietà guidano l’azione amministrativa. Inoltre, ricordiamo che la Costituzione recita, all’articolo 27, che ‘le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato’.

A Napoli non arretriamo di un millimetro, continuando a perorare e promuovere le azioni che possano contribuire alla salvaguardia dei diritti fondamentali delle persone carcerate, garantendone la dignità ed eliminando ogni forma di marginalità sociale.

Print Friendly, PDF & Email