Home Basilicata Matera Matera 2019, politologo Fabbrini per lezione di Radio 3 su Europa e...

Matera 2019, politologo Fabbrini per lezione di Radio 3 su Europa e Sud

609
Sergio Fabbrini


Download PDF

Lunedì 17 giugno a Casa Cava

Riceviamo e pubblichiamo.

Lunedì 17 giugno alle 19:00 a Casa Cava a Matera nuovo appuntamento con le ‘Lezioni materane di Radio3’ dedicate a ‘I Sud’ nell’ambito del progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 ‘Future Digs’.
Protagonista di questo quinto appuntamento sarà il politologo Sergio Fabbrini con la lezione ‘L’Europa e il Sud’ per una riflessione sul nostro continente visto dal Sud dopo il voto del 26 maggio scorso. Con nuove maggioranze nel Parlamento rinnovato e nuovi baricentri politici l’Unione europea dovrà scegliere e usare mezzi nuovi per la sua sopravvivenza e per il suo avanzamento.

Quel voto ha portato alla superficie una divisione tra visioni europeiste e sovraniste dell’integrazione: come si ripercuoterà quella differenza sull’Italia e sul Mezzogiorno italiano e come segnerà il cammino che allontana o avvicina a Bruxelles? Qual è il vero interesse dell’Italia e del sud del paese, andare verso una maggiore integrazione europea oppure svuotare l’UE delle sue principali competenze economiche e sociali?

Sergio Fabbrini insegna Scienze politiche alla LUISS e Comparative Politics alla University of California di Berkeley. Ha insegnato in diverse università degli Stati Uniti, della Cina, del Giappone, dell’America Latina e dell’Europa Autore di numerosi saggi, ha diretto la collana editoriale su ‘Le istituzioni delle democrazie contemporanee’ per l’Editore Laterza e vinto diversi premi scientifici internazionali e nazionali.

È uno dei più importanti editorialisti de Il Sole 24 Ore. Tra le sue ultime pubblicazioni c’è ‘Manuale di autodifesa europeista. Come rispondere alla sfida sovranista’, LUISS University Press 2019.

A dialogare con Fabbrini nel corso della lezione sarà Annamaria Giordano, ideatrice, responsabile e conduttrice del programma Radio3 Mondo, sulle note del flautista Matteo Sampaolo, della European Union Youth Orchestra.

Print Friendly, PDF & Email