Home Territorio Estero Marocco: Consiglio esecutivo UA annulla manovre

Marocco: Consiglio esecutivo UA annulla manovre

805


Download PDF

Volte a imporre l’adozione di un documento non consensuale sui partenariati

Il Consiglio esecutivo dell’Unione africana, ha rifiutato di adottare il progetto di ‘Strategia e quadro politico per l’Unione africana’ e rinviato l’esame per mancanza di consenso.

Il Consiglio si è riunito nell’ambito della sua 42a sessione ordinaria, ad Addis Abeba, giovedì 16 febbraio.

Questa decisione è stata presa mentre l’Algeria e alcuni Paesi alleati avevano manovrato per adottare un documento. L’obiettivo era quello di consentire un’ampia partecipazione a tutti i vertici dei partenariati dell’Unione africana. In flagrante violazione delle decisioni dei Capi di Stato africani che sovrintendono a tale partecipazione.

La ferma reazione di un gran numero di Paesi africani, tra cui il Marocco, ha fatto fallire la manovra.

Nonostante le azioni tendenziose di un ristretto numero di Paesi, il Consiglio esecutivo dell’Unione africana ha deciso di affidare l’esame del progetto di strategia agli organi deliberativi dell’Unione, in stretta collaborazione con l’Unione africana.

Il Consiglio Esecutivo dell’Unione Africana prosegue ad Addis Abeba i lavori della sua 42a sessione ordinaria con la partecipazione del Marocco, il che prelude al Vertice dell’Unione previsto per il 18 e 19 febbraio.

Il Marocco è rappresentato in questa sessione dal Ministro degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e dei Marocchini all’Estero, Nasser Bourita.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.