Home Territorio La gestione imprenditoriale dei beni confiscati

La gestione imprenditoriale dei beni confiscati

1481
bene confiscato alla camorra


Download PDF

Il 4 novembre incontro a Casal di Principe

Riceviamo e pubblichiamo.

Venerdì 4 novembre 2016,ore 15:00, nel Centro di avviamento al lavoro artigianale “Don Milani” di Casal di Principe, Caserta, Via Giacosa, 25, l’Associazione Economia e Sviluppo, AES, di Villaricca, Napoli, organizza l’incontro dal titolo “La gestione imprenditoriale dei beni confiscati. Esperienze e pratiche di successo a confronto”.

Lo scopo è mettere in evidenza e dimostrare come l’assegnazione dei suddetti beni ad associazioni non profit, in grado di saper fare impresa, possa generare economia e contribuire alla rinascita civica dei territori pesantemente condizionati da pratiche e culture mafiose.

La confisca di beni immobiliari come terreni, ville private, stabilimenti produttivi e uffici è un tema molto dibattuto in quanto rappresenta un’importante azione di contrasto nei confronti della criminalità organizzata.

L’iniziativa vedrà a confronto tre importanti realtà del Sud Italia.
Le esperienze al centro del convegno sono rappresentate dal Consorzio di cooperative NCO di Casal di Principe, (Ce), dalla Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme (Cz) e dal CRESM di Gibellina (Tp).

Ne parleranno i principali protagonisti, Giuliano Ciano per il Consorzio NCO, don Giacomo Panizza per la Comunità Progetto Sud e Alessandro La Grassa per il CRESM.

La discussione sarà introdotta da Tommaso Di Nardo, presidente dell’Associazione AES e sarà moderata da Saverio Cioffi, direttore di Giugliano Scuola di Impresa.

Seguirà una tavola rotonda per discutere su “Come fare impresa sociale sui beni confiscati e generare sviluppo territoriale” alla quale parteciperanno:
il prof. Vittorio Coda, Emerito di Strategia Aziendale Università Bocconi di Milano, il prof. Luca Meldolesi, Economista e presidente di A Colorni -Hirschman Internazional Institute, Marina Galati, coordinatrice generale Comunità Progetto Sud, Valerio Taglione, presidente Comitato “Don Peppe Diana”, Peppe Pagano, presidente cooperativa Agropoli, Simmaco Perillo, presidente cooperativa Al di là dei sogni e Francesco Matacena, dottore commercialista ODCEC Napoli Nord.

Print Friendly, PDF & Email