Home Toscana Regione Toscana Giani soddisfatto superamento ingiustizia dipendenti Regione Toscana

Giani soddisfatto superamento ingiustizia dipendenti Regione Toscana

623
Giani


Download PDF

Giani invia lettera a tutti i dipendenti regionali

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Sono particolarmente contento di aver superato questa profonda ingiustizia che si stava creando, del resto non imputabile in alcun modo alla Regione Toscana e al suo Governo.

È quanto scrive il presidente Eugenio Giani nella lettera inviata a tutti i dipendenti regionali in seguito alla svolta positiva della vicenda che riguarda il personale di supporto agli organi istituzionali della Giunta e del Consiglio della Regione, al quale è stato nuovamente riconosciuto il trattamento economico accessorio, spettante di diritto, dopo lo stop imposto nei mesi scorsi dalla Corte dei Conti.

La svolta positiva, sottolinea nella lettera il Presidente, è arrivata

dopo numerosi incontri anche a livello Ministeriale

che hanno visto lo stesso Giani impegnato in prima persona: si tratta in sostanza dell’approvazione da parte del Governo nazionale del decreto legge 44/2023 che ha per oggetto ‘Disposizioni urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle Amministrazioni pubbliche’.

In particolare, sottolinea Giani:

La norma all’articolo 3 conferma espressamente la possibilità anche per le Regioni di applicare la normativa vigente in materia di uffici di supporto agli organi istituzionali che già viene impiegata nei Ministeri, secondo cui il trattamento accessorio del personale di supporto agli organi istituzionali della Giunta e del Consiglio delle Regioni può essere finanziato con il bilancio dell’Ente.

Queste nuove disposizioni consentono quindi di tornare alla disciplina regionale pre-vigente attraverso l’approvazione di una nuova legge che tempestivamente abbiamo già deliberato in Giunta.

La Proposta di legge regionale, nel dare attuazione alla nuova norma nazionale, supera a decorrere dal 2023 le disposizioni vigenti e trova soluzioni adeguate anche per l’anno 2022.

La lettera del Presidente si conclude con la soddisfazione per il superamento di una “profonda ingiustizia”, che aveva creato un profondo disagio tra i dipendenti della Regione Toscana.

Spero che questo esito positivo possa far avvertire a tutti voi la mia stima, sentendovi parte di una squadra che ha come obiettivo il buon andamento della nostra Regione.

Print Friendly, PDF & Email