Home Campania Regione Campania Garante Detenuti Regione Campania: presentata Relazione annuale 2023

Garante Detenuti Regione Campania: presentata Relazione annuale 2023

331
Garante Detenuti Regione Campania


Download PDF

Ciambriello: ‘Campania seconda Regione per sovraffollamento, puntare su misure alternative’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Campania.

Il carcere, oggi, in Italia, e particolarmente in Campania, è una fotografia impietosa: sovraffollamento, presenza di detenuti con doppia diagnosi, assenza di psichiatri e psicologi, tasso di suicidi venti volte superiore a quello delle persone libere.

Le incertezze e le resistenze al cambiamento inducono il nostro sistema penitenziario a dover affrontare diverse e forti criticità.

È quanto ha affermato il Garante campano delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, Samuele Ciambriello, che, stamani, nell’Aula del Consiglio Regionale della Campania, ha presentato la Relazione per l’anno 2023, in collaborazione con l’Osservatorio regionale sulla vita detentiva, e con la partecipazione del Presidente del Collegio del Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, Felice Maurizio D’Ettore, del magistrato del Tribunale di Sorveglianza, Francesco Chiaromonte, la responsabile dell’Osservatorio regionale sulla detenzione, Alessia D’Aniello.

Ha detto Ciambriello:

Al 31 dicembre dello scorso anno, erano presenti in Campania 7.330 detenuti, di cui 898 stranieri e 350 donne.

La Campania è la seconda regione per indice di sovraffollamento, la prima regione è la Lombardia, in particolare sono tre le carceri campane che presentano le più alte percentuali di sovraffollamento: Pozzuoli, con un indice di sovraffollamento del 169,39%, Sant’Angelo dei Lombardi, 166,08%, Benevento, 171,61%.

Al 24 marzo 2024 nella nostra regione sono presenti, per una pena inflitta: 44 detenuti con una pena fino ad 8 mesi, 109 detenuti con una pena fino ad un anno, 254 detenuti con una pena da 1 – 2 anni, 503 detenuti con un residuo di pena fino ad 8 mesi, 840 fino ad un anno, 956 fino a 1 – 2 anni, per un totale di 2706 detenuti con pena residua.

La metà dei detenuti deve scontare meno di due anni. Basterebbe, per questi ultimi, applicare le misure alternative previste dal nostro ordinamento per sopperire al sovraffollamento carcerario nella nostra regione.

La relazione fotografa, tra l’altro, i numeri che sintetizzano le attività poste in essere dal Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Regione Campania, e dal suo staff, nell’anno di riferimento:

1.542 detenuti incontrati personalmente, 136 interventi sanitari, 190 interventi proposti alla Direzione e alle Aree giuridico pedagogiche, 24 interventi alla Magistratura di sorveglianza, 12 interventi alle Procure, 49 interventi tra solleciti, segnalazioni e richiesta di trasferimento al Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, 30 interventi tra segnalazioni, solleciti e richieste di trasferimento al Provveditorato per l’Amministrazione penitenziaria.

D’Ettore ha detto:

Questo Garante sta facendo un lavoro di intensa interlocuzione con il Governo per trovare soluzioni alle problematiche del mondo carcerario, a cominciare da quello del sovraffollamento, per le quali sono necessari provvedimenti di sistema che richiedono fondi.

D’Ettore, nel corso del suo intervento, si è soffermato, tra l’altro, sul tema della medicina penitenziaria, affinché il diritto alla salute sia pienamente garantito, e sull’importanza del lavoro svolto dalla Polizia Penitenziaria che, con impegno e abnegazione, si fa carico delle tante problematiche delle persone detenute.

Print Friendly, PDF & Email