Home Territorio Federico Brusacà tra i professionisti per il riscatto

Federico Brusacà tra i professionisti per il riscatto

1510


Download PDF

Il calciatore passa in Lega Pro con la Lumezzane

Federico Brusacà, classe 1996, in forza quest’anno alla Lavagnese, squadra militante nel Campionato di Serie D, è ormai maturo per il salto di categoria. Questa stagione è stata molto positiva per il giovane ligure, 34 presenze e 3 goal in un girone molto agguerrito, in cui vi era la presenza anche di big come Semioli, con un lungo trascorso in serie A.

Dopo la passata stagione, con 17 presenze e 1 gol, terminata in anticipo a gennaio per via di un brutto infortunio, non è stato facile per Federico riprendere, ma ha sorpreso tutte le aspettative. Visto il suo trascorso non ci stupisce: 7 anni di Genoa, in cui ha fatto anche il capitano degli Allievi Nazionali, fino alla Primavera allenata da Juric, fresco di promozione quest’anno con il Crotone.

Poi la chiamata in bianconero alla corte di mister Dagnino, che da subito crede in lui e lo lancia nella mischia dei grandi. Queste due stagioni gli sono valse l’attenzione di diversi club importanti come il Siena e il Varese, che hanno alle spalle permanenze in serie A e serie B. Ad accaparrarsi il giovane promettente genovese è stato però il Lumezzane, squadra militante in Lega Pro, che ha battuto la concorrenza, con un contratto biennale. Primo palcoscenico importante, tra i professionisti, in un ambiente adatto alla crescita dei giovani, come ha affermato Brusacà. Una piazza importante, da molti anni nei professionisti, che potrebbe fungere da trampolino di lancio.

L’ultimo anno al Genoa infatti non è stato facile, partito subito con molta responsabilità sulle spalle ha dovuto affrontare dei momenti difficili, caratterizzati da un non ottimo rapporto con il mister in primis. Ora l’opportunità della Lega Pro: le sue intenzioni sono quelle di ambientarsi al meglio, per via delle grosse differenze con la Serie D, e di mettersi in gioco per dimostrare di poter stare nel calcio che conta, quello dei professionisti, cercando di imparare il più possibile dal nuovo allenatore e dai compagni più esperti.

Come sostiene Brusacà, questo è un traguardo raggiunto soprattutto grazie all’aiuto di sua madre, che ha sempre creduto in lui quando anche egli stesso non riusciva, quando le speranze di diventare calciatore sembravano svanite, e dei suoi amici e compagni che hanno contribuito alla realizzazione di questo sogno, che sta diventando realtà.

federico-brusaca

Print Friendly, PDF & Email
Avatar

Autore Tommaso Pinazzi

Tommaso Pinazzi, ragioniere, da sempre appassionato di giornalismo, attento alla politica, alla cultura e allo sport.