Home Territorio Daniele Sepe al Teatro Bolivar

Daniele Sepe al Teatro Bolivar

1573


Download PDF

‘Capitan Capitone e i fratelli della costa’ in scena il 30

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa di Hermes Comunicazione.

Sabato 30 aprile, ore 21:00, presso il Teatro Bolivar, Via Bartolomeo Caracciolo, 30, Napoli, nell’ambito di ‘Le insolite note’ – Rassegna di teatro e musica, direzione artistica di M’Barka Ben Taleb ‘Capitan Capitone e i fratelli della costa’.

La ciurma più sfrantummata della costa approda a Materdei.
Un appuntamento imperdibile per i seguaci del rangio fellone e il pappagallo.
Chi si veste marinarescamente, meglio se piratescamente, sale sul palco a fare i cori.

Nostromo Dario Sansone, Timoniere Gnut, Cambusiere Andrea Tartaglia, Poeta di Bordo Alessio Sollo, Carmine D’Aniello Prodiere, Coffiere Nero Nelson, Sirena Sara Sossia Squeglia, Cannoniere Maurizio Capone, Mastro bottaio Tommy De Paola, Cerusico Davide Afzal, Armiere Paolo Forlini,Capitan Capitone Daniele Sepe.

A distanza di più vent’anni da “Vite Perdite”, l’album che fotografò la Napoli musicale dell’inizio degli anni novanta e che ebbe un enorme risonanza, tanto da essere stampato in tutto il mondo da Piranha, un etichetta berlinese che in quegli anni pre Real World era la punta di diamante della world music, Daniele Sepe scatta una nuova istantanea su Napoli, una città che come un araba fenice non smette mai di sorprendere.

Il 7 luglio del 2015 un gruppo di cassintegrati Fiat di Pomigliano mi chiese di organizzare un concerto per sostenere la loro lotta e la loro cassa di resistenza. Fu scelta piazza Dante e in meno di 20 giorni misi insieme più di otto ore di concerto, coinvolgendo decine e decine di band della città. Molte non le conoscevo. Da allora il sodalizio tra chi partecipò a quella bella avventura non si è più sciolto, abbiamo continuato a suonare, mangiare, bere e girovagare insieme. Ci sembra logico fissare su nastro quello che è avvenuto in questi mesi.

All’album partecipano davvero in tanti, siamo più o meno una ottantina (non c’è male, eh? Ma anche Vite Perdite non ci scherzava… e sono rimasti fuori tantissimi amici davvero bravi anche loro….) i Foja, La Maschera, ‘O Rom, Tartaglia Aneuro, Aldolà Chivalà, Mario Insenga & Hadacol Special, La Contrabbanda di Luciano Russo, Claudio Gnut, Maurizio Capone, Alessio Sollo, Nero Nelson, Sara Sossia Squeglia, Flo Cangiano, Auli Kokko, Piermacchiè, Gino Fastidio… ma attenzione: non è mica che ognuno si canta il suo pezzo e io ci metto dentro l’arrangiamento o il sassofono, noi ci siamo chiusi in studio due settimane, insieme alle vivandiere e alla cambusa, e partendo da zero abbiamo scritto insieme tutto, dalla musica ai testi, un lavoro collettivo che ci ha fatto scapolare felicemente quest’inverno.

Chi mi conosce sa che ho alle spalle più di venti album, venticinque mi pare, tutti rigorosamente autoprodotti. Lo strumento che mette a disposizione Musicraiser per noi indipendenti per davvero è prezioso. Questa è la seconda esperienza di autofinanziamento che faccio con loro e ho pensato di non proporvi il semplice Cd, ma il Cd in abbinamento ad oggetti che non saranno messi in vendita successivamente nei soiti canali di distribuzione, cose che saranno offerte solo qui, insomma da collezionisti, a partire dal libro+cd di 52 pagine con i testi, le info, gli aneddoti e sopratutto le foto che hanno documentato la nascita e la gestazione di questo lavoro, a partire dal posto dove abbiamo cominciato a ragionarci su: il mio gommone di cinque metri, che guarda caso si chiama ‘Capitone’.

Biglietto a 10€ – prenotatevi!

Print Friendly, PDF & Email