Home Lazio Regione Lazio Covid, Zingaretti visita camper vaccinazioni a Fiumicino (RM)

Covid, Zingaretti visita camper vaccinazioni a Fiumicino (RM)

116
Nicola Zingaretti


Download PDF

Per raggiungere l’obiettivo dell’immunità di gregge è indispensabile vaccinare le fasce di popolazione più giovani

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lazio.

Questa mattina, 21 luglio, il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha visitato il Camper operativo per le somministrazioni dei vaccini anti Covid a Fiumicino, in provincia di Roma.
Erano presenti l’Assessore alla Sanità e Integrazione Socio Sanitaria, Alessio d’Amato, il Direttore Generale della ASL Roma 3 Marta Branca e il Sindaco di Fiumicino Esterino Montino.

Nel Lazio sono 30 i camper che da fine giugno stanno girando per tutto il territorio, in particolare nelle località montane e, considerata la stagione estiva, in quelle balneari.

L’obiettivo dell’iniziativa, promossa dalla Regione Lazio, è quello di raggiungere e coinvolgere nella campagna vaccinale tutti coloro che, per difficoltà oggettive, sono rimasti fuori dalle vaccinazioni.

L’Amministrazione ha già sperimentato questa modalità, con la comunità sikh del sud pontino, registrando il tutto esaurito in poche ore.

Con 6,3 milioni di dosi somministrate, il Lazio è la prima regione ad aver superato il numero di dosi somministrate rispetto agli abitanti residenti. Per raggiungere l’obiettivo dell’immunità di gregge è indispensabile vaccinare le fasce di popolazione più giovani. E comunque nella prima settimana di agosto nel Lazio il 70% popolazione adulta sarà vaccinata con doppia dose.

L’iniziativa dei camper si integra con l’azione fondamentale dei medici di medicina generale, delle farmacie e di altre iniziative che la Regione sta intraprendendo per promuovere attivamente la vaccinazione nei territori: sono 500mila le somministrazioni già effettuate dai medici di medicina generale e 60 mila somministrazioni nelle farmacie.

A questo si aggiunge la Campagna open night, rivolta alle persone che non sono iscritte al sistema sanitario regionale.

Print Friendly, PDF & Email