Home Lazio Regione Lazio Covid-19 Lazio, discussione al TAR revoca accreditamento San Raffaele

Covid-19 Lazio, discussione al TAR revoca accreditamento San Raffaele

309
IRCCS San Raffaele Pisana di Roma


Download PDF

D’Amato: ‘Tanti morti quanto il ponte di Genova, chi non rispetta gli anziani si colloca fuori dal sistema sanitario, audit su tutte le strutture e avviate altre revoche, vale principio di imparzialità’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lazio.

Domani, 9 settembre, il TAR del Lazio sarà chiamato a pronunciarsi sulla sospensiva richiesta dalla San Raffaele Spa contro Regione Lazio, Presidenza del Consiglio dei Ministri e ASL Roma 6, sul Decreto 91 che ha disposto la revoca dell’accreditamento della struttura San Raffaele di Rocca di Papa (RM) per gravi negligenze e inadempimenti dei protocolli operativi anti-Covid.

Nella struttura, diventata zona rossa, si sono registrati 168 casi di positività e 43 i decessi con un tasso di mortalità quasi del 27%, come si rileva nella dettagliata memoria tecnica messa a disposizione dei giudici amministrativi.

La gravità è stata ampiamente evidenziata dall’Amministrazione regionale nei confronti di chi si è reso partecipe di aver contribuito, mediante la mancata e puntuale attuazione di tutte le misure precauzionali, alla diffusione del virus e al verificarsi dei decessi.

I numeri degli infetti positivi e dei decessi verificatesi in ragione del ricovero presso la struttura San Raffaele di Rocca di Papa sono spaventosi se correlati al numero dei ricoverati e al numero degli operatori anche di altre strutture.

Motivo per il quale l’Amministrazione ha avviato nei confronti di tutte le medesime indagini funzionali, audit tecnici e avvio di revoca dell’accreditamento. È quanto si evince nella relazione tecnica.

Il bilanciamento tra contrapposti interessi: gestione della sanità pubblica e interesse economico privato, non possono in alcun modo essere posti sullo stesso piano.

Della vicenda, sotto il profilo di eventuali responsabilità penali, se ne sta occupando anche la Procura di Velletri.

Commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato:

Riteniamo di aver offerto ai Giudici amministrativi tutti gli opportuni elementi tecnici, compreso un parere pro veritate dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, per esprimersi in maniera serena e puntuale.

Ovviamente come sempre rispetteremo il giudizio.

Print Friendly, PDF & Email