Home Territorio Contratti RSA fermi da tempo. UGL: Nessuno sia lasciato indietro

Contratti RSA fermi da tempo. UGL: Nessuno sia lasciato indietro

429
Presidio UGL al Ministero


Download PDF

Giuliano: ‘Si lavori con responsabilità per rinnovo degli accordi’

Riceviamo e pubblichiamo.

Dice il Segretario della UGL Salute Gianluca Giuliano:

Chi si ricorda dei lavoratori della RSA? Noi certamente, ma non le associazioni datoriali visto che i salari degli operatori sanitari di queste strutture sono bloccati da lunghissimi anni.

Non possono esserci scusanti oggi, anche se siamo coscienti dei costi aumentati per l’ordinaria gestione delle strutture, che però non possono essere pagati, come sempre, dall’anello più debole: i lavoratori.

Gli emolumenti, a volte vicini al reddito di cittadinanza, non sono più in grado di sostenere la quotidianità di famiglie devastate da una inflazione galoppante.

Serviva sedersi da tempo e con senso di responsabilità attorno ad un tavolo con il coinvolgimento delle istituzioni per dare ai professionisti delle RSA emolumenti adeguati e dignitosi. Ed invece non è stato fatto.

Allora oggi non possono più esistere alibi. Nel settore sociosanitario privato non possono esistere lavoratori di serie B. Non vogliamo che nessuno sia dimenticato o lasciato indietro.

La UGL Salute è pronta a intraprendere nuovamente tutte le possibili forme di protesta per arrivare a una soluzione della vertenza a tutela dei diritti di questi professionisti.

Print Friendly, PDF & Email