Home Territorio Estero Yemen: riyal in rialzo per sostegno saudita alla Banca centrale

Yemen: riyal in rialzo per sostegno saudita alla Banca centrale

274


Download PDF

Rilevato un miglioramento relativo nelle transazioni dei tassi di cambio del riyal

I commercianti e le società di cambio di Aden hanno dichiarato che il riyal yemenita ha registrato un notevole rialzo rispetto al dollaro e alle valute estere, dopo mesi di forte crollo e aver toccato il livello più basso di sempre, a seguito del provvedimento dell’Arabia Saudita che ha esteso il periodo di deposito presso la Banca centrale del governo yemenita riconosciuto a livello internazionale.

Cambiavalute e commercianti hanno riferito ai media internazionali che c’è stato un relativo miglioramento nelle transazioni dei tassi di cambio del riyal sul mercato nero parallelo, dopo che la Banca centrale ha annunciato, lunedì 16 maggio, che l’Arabia Saudita ha accettato di trasferire 174 milioni di dollari sul conto bancario, come ultimo lotto del deposito precedentemente concordato: nel 2018, infatti, erano stati trasferiti due miliardi di dollari.

Il ministero delle Finanze saudita ha affermato che il periodo di deposito è stato esteso e che questo sostegno migliora la situazione finanziaria ed economica nella Repubblica dello Yemen, in particolare il tasso di cambio del riyal.
La valuta yemenita martedì 17 maggio è stata scambiata 950 riyal per dollaro in acquisto e 980 riyal in vendita, dai circa 1070 riyal per dollaro nel mercato dei cambi del 16 maggio. Il prezzo è oscillato intorno ai 1050 riyal per dollaro nel mercato dei cambi dall’inizio di questo mese, ha raggiunto 1080 riyal a fine aprile e 1280 riyal a fine marzo.
L’Arabia Saudita ha dichiarato il mese scorso che ha approvato un nuovo pacchetto di sostegno da 3 miliardi di dollari per l’economia yemenita, inclusi 2 miliardi di dollari da Riad e 1 miliardo di dollari dagli Emirati Arabi Uniti.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.