Home Territorio Estero Yemen: in aumento il numero degli sfollati a Marib

Yemen: in aumento il numero degli sfollati a Marib

349
campo profughi Aden


Download PDF

Appello di intervento urgente all’UNHCR

Il governatorato di Marib, nell’est dello Yemen, ospita attualmente oltre due milioni e 300mila sfollati, distribuiti in 145 campi, oltre alla presenza di oltre 20 mila profughi africani.

Lo ha reso noto il Sottosegretario del Governatorato di Marib, Abd Rabbo Moftah, il quale ha invitato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR, a svolgere un ruolo maggiore nei confronti degli sfollati interni ospitati dalla sua provincia.

Durante il suo incontro con un responsabile della protezione dei profughi presso l’Ufficio dell’Alto Commissariato per i rifugiati dell’ONU ad Aden, il funzionario yemenita ha sottolineato che l’autorità locale sta affrontando difficoltà per accogliere il gran numero di sfollati alla luce del continuo movimento di persone a Marib su base giornaliera. Ha anche chiarito che la città era ed è tuttora il rifugio sicuro per milioni di yemeniti che sono fuggiti da tutti i governatorati dall’oppressione delle milizie Houthi.

Da parte sua, il funzionario dell’UNHCR ha confermato la sua volontà di mobilitare maggiori risorse per ridurre il divario umanitario causato dall’enorme numero di sfollati ospitati nel governatorato. Ha sottolineato che la Commissione attuerà diversi programmi nel prossimo periodo per aiutare gli sfollati nei settori del cibo, dei ripari, dell’acqua, della salute e dell’istruzione.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.