Home Territorio Estero Yemen: Coalizione, nostri raid hanno fermato assalto Houthi a Marib

Yemen: Coalizione, nostri raid hanno fermato assalto Houthi a Marib

299
Turki al Malki


Download PDF

Le operazioni aeree hanno fermato l’assalto degli Houthi ad Abdiya, nella periferia della città

La Coalizione per il sostegno al Governo legittimo nello Yemen ha annunciato che le sue operazioni aeree, andate avanti per un periodo di 18 giorni, hanno fermato l’assalto degli Houthi al distretto di Abdiya nel governatorato di Marib.

Il portavoce ufficiale delle forze della Coalizione, il Generale di Brigata Turki Al-Maliki, ha affermato che ha effettuato 118 raid aerei per proteggere i civili ad Abdiya nelle ultime 96 ore. Ha aggiunto che 15 veicoli militari della milizia Houthi sono stati distrutti, osservando che le perdite umane dei ribelli hanno superato le 400 unità.

Il portavoce della Coalizione ha invitato le Nazioni Unite e le organizzazioni internazionali ad assumersi le proprie responsabilità umanitarie nei confronti dei civili di Abdiya.

Le dichiarazioni di Al-Maliki arrivano alla luce dei continui bombardamenti degli Houthi e dell’assedio imposto a più di 150mila persone nel distretto di Al-Abdiya, si parla di un disastro umanitario e del genocidio della popolazione del distretto.

Il Ministro dell’Informazione yemenita, Muammar Al-Eryani, ha sottolineato, alla fine dello scorso settembre, che l’assedio imposto dalla milizia Houthi appoggiata dall’Iran al distretto di Al-Abdiya a Marib, impedendo cibo e forniture mediche ai civili, e la sua pratica di bombardare villaggi e case con vari tipi di armi è un atto vile di vendetta che equivale ad un crimine di guerra contro l’umanità.

Nel febbraio 2021 la milizia Houthi ha intensificato gli attacchi e le operazioni militari per controllare Marib, nel tentativo di rafforzare la propria posizione durante i negoziati politici.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.