Home Toscana Regione Toscana Toscana, nuovi lavori per messa in sicurezza SR70 della Consuma

Toscana, nuovi lavori per messa in sicurezza SR70 della Consuma

594
Vincenzo Ceccarelli


Download PDF

Un contributo di 1,4 milioni di euro e presto un Protocollo per limitare i mezzi pesanti

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Nuovo step per l’adeguamento e la messa in sicurezza della SR 70 della Consuma. Per consentire una nuova fase di lavori la Regione Toscana ha messo a bilancio per il 2021 un contributo di un milione e 400mila euro, che servirà per migliorare la percorribilità della strada e rende più sicuri alcuni punti critici del Passo della Consuma.

Ha ricordato l’Assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli:

La Regione Toscana ha promosso e realizzato in accordo con il Comune di Pelago e la Città Metropolitana di Firenze quattro primi interventi prioritari per migliorare la sicurezza stradale, a vantaggio dei residenti, ma anche di tutti coloro che quotidianamente attraversano il Passo, che collega l’area fiorentina con la provincia di Arezzo.

Una prima, fondamentale, serie di interventi è stata ultimata nel maggio scorso, con il miglioramento della visibilità e il cambio di curva di due tornanti in località Camperiti e Fonte al Cerro, la nuova asfaltatura, la realizzazione di una nuova piazzola di sosta al km 3+70 e la pavimentazione di un’altra piazzola in località Le Cupole.

Con queste nuove risorse la viabilità sarà ulteriormente messa in sicurezza, anche dal punto di vista idraulico ed idrogeologico.
Mentre i lavori per la riqualificazione della strada vanno avanti la Regione, la Città Metropolitana di Firenze, la Provincia di Arezzo ed i Comuni interessati, in attuazione di un precedente accordo siglato presso la Prefettura di Firenze, stanno lavorando ad un Protocollo d’intesa per regolare il traffico pesante, con l’obiettivo di limitarlo a quello funzionale all’attività delle aziende sui due versanti del passo della Consuma, cioè Casentino e Valdisieve / Valdarno, diminuendo il numero dei camion in transito ed aumentando così la sicurezza per il resto dei veicoli.

Print Friendly, PDF & Email