Home Toscana Regione Toscana Presidente Toscana Giani su Giornata nazionale del Braille

Presidente Toscana Giani su Giornata nazionale del Braille

162
Giornata nazionale del Braille


Download PDF

‘Mi impegno perché alla Scuola cani guida arrivino anche risorse statali’

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

La stamperia Braille più antica d’Italia, la Scuola cani guida di Scandicci (FI), i tanti centri collegati alla Regione che praticano la riabilitazione visiva: la Toscana da sempre è riferimento e grande sostenitrice delle politiche per i ciechi e gli ipovedenti.
E nella giornata nazionale del Braille, il Presidente Eugenio Giani ha celebrato questa tradizione annunciando il proprio impegno affinché siano recepite le richieste avanzate dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti a proposito della scuola cani guida di Scandicci: superare il confine regionalistico e ottenere le risorse pubbliche direttamente dallo Stato.

Assicuro l’impegno richiesto sia a proposito della Scuola cani guida di Scandicci, un nostro fiore all’occhiello, confermando le risorse regionali, sia a proposito del lavoro a livello di sollecitazione parlamentare per venire incontro alla richiesta appena avanzatami dal Presidente nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, Mario Barbuto, di ottenere risorse statali, utili e necessarie per il mantenimento della qualità delle attività della Scuola.

L’annuncio è avvenuto durante la bella manifestazione avvenuta in Piazza Duomo davanti a Palazzo Strozzi Sacrati alla quale hanno partecipato oltre a Giani e Barbuto, Massimo Diodati Presidente del Consiglio regionale toscano dell’UICI e la vicepresidente Elena Ferroni.

Con loro, il Consigliere delegato dal Presidente Giani al terzo settore Massimo Pieri e alcuni rappresentanti delle famiglie che hanno in affido i cuccioli di Labrador che saranno addestrati a diventare cani guida.

I cani guida già addestrati e le giovani leve sono stati gli altri protagonisti della mattinata, che hanno animato con manifestazioni sotto l’attenta e amorevole guida degli addestratori della Scuola.

Ha proseguito Giani:

È un momento importante. Abbiamo il dovere morale di seguire i ciechi che qua a Firenze e in Toscana hanno vissuto negli anni una presenza attenta e feconda.

L’Unione Italiana Ciechi è nata a Firenze cento anni fa grazie a Aurelio Nicolodi, e noi dobbiamo custodire il patrimonio che ci è stato consegnato restituendolo loro in servizi e in ciò di cui hanno bisogno.

Per questo oggi celebro molto volentieri questa giornata e dico loro grazie per il contributo che danno con il loro ingegno e la loro partecipazione sociale.

La loro azione contribuisce a dare il senso della Toscana terra di diritti, di civiltà, e depositaria del messaggio che ricorda che si lavora insieme senza permettere che qualcuno rimanga indietro o da solo.

La mattinata è terminata con lo scambio di doni. Il Presidente Barbuto e Diodati hanno consegnato al Presidente Giani un pacchetto di biglietti da visita personalizzati fatti appositamente per lui in Braille.

Print Friendly, PDF & Email