Home Campania Comune di Napoli Napoli, Giunta approva accordo con Terna per riassetto rete elettrica

Napoli, Giunta approva accordo con Terna per riassetto rete elettrica

555
Sala Giunta Palazzo San Giacomo a Napoli


Download PDF

Le principali opere previste dall’accordo

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

La Giunta Comunale ha approvato ieri, 12 agosto, lo schema di Accordo con Terna, gestore della Rete di Trasmissione Nazionale, per gli interventi di efficientamento e sviluppo della rete elettrica cittadina.

Questo permetterà di migliorare la sicurezza della rete elettrica nella città di Napoli attraverso un articolato piano di riassetto di cavi e linee aeree e consentirà il miglioramento della qualità del servizio elettrico grazie all’ammodernamento della rete.

È prevista, inoltre, la demolizione di alcune linee, tra cui 10 km di elettrodotto aereo a 60 kV nel Comune di Napoli, per un recupero di 252.000 metri quadrati di territorio e 700 tonnellate di acciaio per garantire una migliore sicurezza della rete elettrica nell’area di Napoli, un incremento dell’affidabilità in termini di sicurezza, continuità e qualità dell’alimentazione e una riduzione dell’impatto ambientale.

Le principali opere previste dall’accordo sono:
l’elettrodotto 220 kV ‘SE Castelluccia – CP San Sebastiano’ mediante il potenziamento del cavo esistente e l’interramento della tratta aerea;
il nuovo elettrodotto 220 kV ‘SE Napoli Levante – CP Ercolano’;
la ricostruzione dell’elettrodotto 220 kV ‘CP Napoli Direzionale – SE Castelluccia’ e dell’elettrodotto 220 kV ‘CP Astroni – CP Fuorigrotta – CP Napoli Centro’.

Quest’ultimo nella nuova configurazione, condivisa in uno specifico tavolo tecnico tenutosi con Terna al Comune di Napoli, non vedrà più la realizzazione della nuova stazione di Fuorigrotta, ma un collegamento diretto alla cabina primaria di E-Distribuzione già esistente, per un’ottimizzazione della gestione del suolo urbano.

Tutti i nuovi tracciati sono stati studiati per contenerne la lunghezza e occupare la minor porzione possibile di territorio riducendo il consumo di suolo e minimizzando l’interferenza con le zone di pregio ambientale, naturalistico, paesaggistico e archeologico e con i sottoservizi già presenti nel sottosuolo.

È stato inoltre costituito un Tavolo Tecnico Permanente, coordinato dal responsabile dell’Area Infrastrutture del Comune per coordinare le attività descritte nell’accordo e per valutare gli interventi di riqualificazione e riequilibrio ambientale, a carico di Terna, per compensare gli impatti territoriali legati alla realizzazione degli interventi.

L’accordo con Terna – si commenta dall’Assessorato all’Ambiente – rappresenta un esempio virtuoso di come, al di là delle strette competenze, si possano creare sinergie volte all’efficientamento delle reti tecnologiche con modalità che consentono di minimizzare gli impatti ambientali e prevedano riqualificazione e riequilibrio ambientale dei territori.

Punto fortemente voluto è stato quello che prevede un monitoraggio in continuo per la misurazione del valore dell’induzione magnetica e del campo elettrico generati dai nuovi interventi per porre basi oggettive alla tutela della sicurezza e della salute dei cittadini ed evitare equivoci sull’ammodernamento delle infrastrutture tecnologiche.

Concordemente dall’Assessorato al patrimonio, ai lavori pubblici e ai giovani si sottolinea come il Protocollo di intesa con Terna sia un importante risultato per la città.

Terna sta realizzando un importante progetto di potenziamento e ammodernamento della rete elettrica cittadina; un intervento indispensabile e necessario per migliorare la qualità e l’affidabilità del servizio elettrico nonché per adeguarlo alle nuove esigenze del territorio.

Rinnovare e potenziare la rete principale di adduzione dell’energia elettrica è anche occasione di nuova riqualificazione urbana e ambientale della città.

Le interlocuzioni del Comune con Terna hanno già prodotto ottimi risultati concordando modalità e modi per lavori e ripristini. In quell’ambito Terna, ad esempio, ha proposto di ripavimentare via Caracciolo e tanto altro ancora.

Print Friendly, PDF & Email