Home Territorio Estero Mondiali 2030: Marocco, Spagna e Portogalli pronte

Mondiali 2030: Marocco, Spagna e Portogalli pronte

878


Download PDF

Decisione presa nel corso di una riunione a Lisbona

Mercoledì 18 ottobre i Presidenti delle federazioni di Marocco, Portogallo e Spagna si sono incontrati  a Lisbona nell’ambito della candidatura congiunta per ospitare la Coppa del Mondo 2030.

Il vertice, che ha riunito Fernando Gomes, Federazione portoghese di calcio, Fouzi Lekjaa, Federazione reale marocchina di calcio, e Pedro Rocha, Federazione reale spagnola di calcio, ha permesso di continuare la preparazione della candidatura che unisce due continenti e mira ad essere il migliore della storia per una Coppa del Mondo.

Era la seconda volta che i Presidenti delle tre federazioni si incontravano, ma la prima dopo la decisione della FIFA sui Mondiali del 2030 era nota.

Nella riunione tenutasi a Cidade do Futebol, sede della FPF, si è deciso di presentare il 28 ottobre la lettera di intenti per organizzare la Coppa del Mondo, soddisfacendo, così, uno dei requisiti del processo di candidatura.

Questo sarà il primo passo formale verso la candidatura congiunta e dimostrerà l’impegno di Marocco, Portogallo e Spagna ad ospitare una Coppa del Mondo di successo.

Questo momento solenne avrà luogo a Rabat e sarà seguito da una conferenza stampa alla quale parteciperanno i Presidenti delle tre federazioni.

Allo stesso tempo, il comitato di candidatura per la Coppa del Mondo 2030 ha continuato il suo lavoro e, anche questo mercoledì, a Madrid, ha tenuto un’altra riunione di follow-up del progetto.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.