Home Territorio Estero Matera 2019, presentati a Bruxelles i primi risultati

Matera 2019, presentati a Bruxelles i primi risultati

334
Matera 2019 all'Ambasciata Italiana a Bruxelles


Download PDF

Il budget impegnato, non ancora interamente speso, nel periodo 2015 – 2019 ammonta a circa 46 milioni di euro

Riceviamo e pubblichiamo.

La Fondazione Matera Basilicata 2019, nell’ambito della Settimana della cucina italiana organizzata dall’Ambasciata a Bruxelles, ha organizzato una serie di attività collaterali finalizzate a far conoscere il viaggio di Matera Capitale europea della cultura svolto nel 2019 e le prossime iniziative in programma nel mese di dicembre.
In particolare, il 19 novembre, alla presenza di Paolo Sabbatini, Direttore dell’Istituto Italiano di cultura a Bruxelles, sono state inaugurate, nella prestigiosa e centrale Galleria d’arte Dauwens & Bernaert, due esposizioni: la mostra ‘La città EUemozionale’ comprendente i video delle principali iniziative svolte a Matera e in Basilicata nell’ambito del programma culturale di Matera 2019 e una selezione di foto della mostra ‘Visions from Europe’ prodotta insieme a Canon, Matera European Photography in partnership con Matera diffusa. Le due mostre resteranno aperte per una settimana.

Nello stesso spazio, il 20 novembre, il Direttore della Fondazione, Paolo Verri, e la manager Sviluppo e relazioni internazionali, Rossella Tarantino, hanno presentato il lavoro svolto fino ad oggi caratterizzato dalla vendita di circa 80 mila passaporti, 54 percento cittadini permanenti, 46 percento cittadini temporanei, circa 312 mila accessi a 940 eventi.

Gli artisti coinvolti sono stati ad oggi 450, dei quali 193 internazionali. I cittadini coinvolti attivamente sono stati 16 mila coinvolgendo 325 luoghi della Basilicata.
Il budget impegnato, non ancora interamente speso, nel periodo 2015 – 2019 ammonta a circa 46 milioni di euro.

Ha detto Verri:

Abbiamo rispettato tutto quello che avevamo scritto nel dossier.
Il risultato è sotto gli occhi di tutti in termini di visibilità della città a livello internazionale.

Matera oggi è una città riconosciuta ovunque e i dati ci dicono che siamo la capitale europea della cultura che più di altre ha sviluppato una maggiore attrattività.

Rossella Tarantino si è invece soffermata sulla originalità dei progetti messi in campo, l’85 percento del programma culturale, e su alcuni principali elementi come la co-creazione sperimentata con alcune fra le più prestigiose istituzioni culturali europee, la partecipazione dei cittadini e le residenze artistiche che in questi giorni stanno portando nelle case di 11 comuni della Basilicata produzioni di straordinario livello.

All’incontro hanno portato i saluti istituzionali il Vicesindaco di Matera, Giampaolo D’Andrea, il Direttore dell’Istituto Italiano di cultura, Paolo Sabbatini, il responsabile della sede ENIT di Bruxelles, Alfonso Santagata, Gregorio De Felice, chief economist di Banca Intesa, Gold Partner di Matera 2019.

D’Andrea ha ricordato la specificità dell’Italia che, attraverso una decisione del Ministro Dario Franceschini, ha istituito la competizione per diventare capitale italiana della cultura.

Ha detto D’Andrea:

Una competizione che ci consente di monitorare i territori sul piano della effettiva produzione e distribuzione culturale.

Subito dopo si è tenuto un focus sulla comunicazione di Matera 2019. In particolare, il coordinatore dell’Ufficio stampa, Serafino Paternoster, davanti alla platea di funzionari della commissione e del parlamento europeo, giornalisti, associazioni ed aziende, ha raccontato la strategia comunicativa, che ha consentito a Matera 2019 di essere raccontata a livello locale, nazionale, europeo e internazionale.

Nel suo intervento ha espresso inoltre la necessità che le istituzioni europee governino la comunicazione delle Capitali europee della cultura mettendo a disposizione specifici servizi come un sito internet dove far confluire i dossier, i programmi e le attività delle Ecoc, e organizzando incontri per rendere più forte la rete della comunicazione delle città e gli scambi di buone pratiche. Ad esempio, le istituzioni europee potrebbero individuare, attraverso un bando pubblico, un’unica emittente televisiva europea capace di raccontare il lavoro fatto in ciascuna Ecoc.

Subito dopo è intervenuta Rita Echeverria, international account manager di Euronews, l’emittente televisiva internazionale che nel 2019 ha raccontato attraverso la TV e i suoi canali digitali in tutta Europa e in 12 lingue, il lavoro di Matera 2019 svolto fino ad oggi. Un’attività di racconto seguita da 10.6 milioni di persone raggiunte in Europa, 122 milioni di contatti generati.

Euronews ha anche anticipato i primi dati di un sondaggio condotto per una verifica dei risultati della campagna promozionale. In particolare, Euronews ha intervistato circa 1000 cittadini europei ai quali ha posto una serie di domande. Dai risultati è emerso che il 44 percento dei telespettatori di Euronews ha visto la campagna promozionale, mentre il 61 percento ha riconosciuto Matera. Il 75 percento ha riconosciuto in Matera un brand assolutamente positivo, mentre il 30 percento dei gruppi intervistati consiglierebbero Matera come destinazione.

Le caratteristiche più diffuse associate a Matera sono: una città di qualità, che ispira, emozionante, affidabile, creativa e collaborativa. Per quel che riguarda la parte social sono state raggiunte oltre 6 milioni di persone, soprattutto da Italia, Francia e Germania.
Fra i 6 episodi dedicati a Matera hanno destato maggiore interesse quelli relativi alla cerimonia inaugurale e alla settimana dedicata alla luna.

Nella stessa serata il Direttore della Fondazione, Paolo Verri, ha mostrato i risultati di Matera 2019 nel corso di una cena di gala organizzata dall’Ambasciata italiana a Bruxelles, davanti ad alcune fra le principali cariche istituzionali e politiche del Belgio.

Print Friendly, PDF & Email