Home Lombardia Regione Lombardia Lombardia, Consiglio regionale: lavori del 27 settembre in Commissioni

Lombardia, Consiglio regionale: lavori del 27 settembre in Commissioni

770
Consiglio Regionale Lombardia


Download PDF

Progetto di legge su tutela detenuti, bilancio consolidato e intesa trasporti con Provincia Sondrio e Cantone Grigioni, audizioni su provvedimento per vittime del terrorismo, istituzione riserva naturale Malpaga-Basella

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lombardia.

Questa l’attività svolta dalle Commissioni consiliari nella giornata di oggi mercoledì 27 settembre.
Commissione Sanità: via libera al progetto di legge sulla tutela delle persone detenute
Recupero della persona, riduzione della recidiva e sostegno alla rieducazione e alla risocializzazione: sono i principali obiettivi del progetto di legge sulla situazione carceraria approvato in Commissione Sanità e promosso dalla Commissione speciale Carceri dopo il suo lungo esame sul campo nelle strutture penitenziarie lombarde.

Il provvedimento, che sarà esaminato dall’Assemblea nella seduta del 31 ottobre, è stato approvato a maggioranza con l’astensione delle opposizioni. I 15 articoli modificano l’attuale legislazione regionale per la tutela delle persone sottoposte a provvedimento dell’autorità giudiziaria.

Obiettivo: il recupero dei detenuti, attraverso percorsi di reinserimento lavorativo, di istruzione, formazione e riqualificazione professionale, sostenendo le associazioni e le attività del volontariato penitenziario, in area penale interna ed esterna.

Fondamentale, e nuova, è l’attenzione agli aspetti sanitari, anche grazie all’istituzione di un organismo interistituzionale con compito di monitoraggio della rete dei servizi sanitari penitenziari favorendo, per i casi più gravi e delicati, l’accesso alle comunità terapeutiche riabilitative e ai centri semiresidenziali, la presa in carico dei detenuti con problematiche psichiatriche.

Inoltre, grazie a interventi di prevenzione delle tossicodipendenze si intende migliorare le condizioni di vita delle persone recluse, limitando la recidività dei reati, con un notevole risparmio di risorse pubbliche.

Un approccio che vuole avviare progetti concreti nell’ottica della giustizia riparativa, un approccio alla pena che coinvolge il reo, la vittima e la comunità nella ricerca di soluzioni, di riparazione del danno e di riconciliazione tra le parti.

In quest’ottica la Regione promuove se sostiene interventi in area penale interna ed esterna, volti a mantenere e rafforzare i legami dei detenuti con i membri della famiglia, tutelando la relazione figli-genitori. Un articolo specifico del provvedimento riguarda il Difensore regionale come Garante dei detenuti, per contribuire, alla tutela dei diritti delle persone incarcerate o ammesse alle misure alternative.

Un piano innovativo e ambizioso che, secondo la clausola valutativa introdotta su parere del Comitato paritetico di controllo e valutazione, sarà monitorato ogni due anni in merito agli obiettivi raggiunti. Per il 2017 la norma finanziaria mette a disposizione 1 milione di euro.

La Commissione Sanità ha anche tenuto un’audizione con i rappresentanti del Coordinamento nazionale Famiglie Disabili, accogliendo la loro proposta per sollecitare il Parlamento perché approvi il disegno di legge per il riconoscimento dei diritti dei Caregiver familiari, le persone che – per scelta o necessità – si prendono cura di un familiare non autosufficiente. La proposta sarà oggetto di una mozione che sarà proposta all’esame dell’Assemblea in una delle prossime sedute.

Commissione Bilancio: ok a bilancio consolidato e intesa trasporti con Provincia Sondrio e Cantone Grigioni
La Commissione ha approvato a maggioranza il Bilancio consolidato, il Documento nel quale vengono analizzate le politiche economiche, sociali e territoriali di Regione Lombardia che vengono realizzate mediante la collaborazione degli Enti strumentali e delle Società controllate e partecipate inserite nel Sistema Regionale.

Via libera anche al progetto di legge sull’intesa tra Regione Lombardia, Provincia di Sondrio e Cantone dei Grigioni, Confederazione Svizzera, che punta a definire sul fronte transfrontaliero pianificazione futura delle reti di trasporto pubblico su ferro e su gomma, con accento particolare su tre ampi obiettivi: sistema integrato di mobilità pubblica che migliori la libera circolazione delle persone sui territori confinanti, non solo finalizzato alla mobilità sistematica, di tipo pendolare, ma anche a vantaggio della mobilità non sistematica, come elemento di valorizzazione territoriale e di fruizione delle aree ad alta vocazione turistica; contenimento delle emissioni nocive per effetto della riduzione del traffico individuale motorizzato; incrementare la valorizzazione dei territori interessati per effetto dell’impatto generato sull’indotto, con particolare riferimento al settore alberghiero e commerciale.

Commissione Affari istituzionali: audizioni su provvedimento per vittime del terrorismo
La seduta si è aperta con le audizioni all’Associazione Vittime del Dovere e di Aiviter Lombardia sul progetto di legge a sostegno delle vittime del terrorismo, allo studio da qualche settimana. Terminate le audizioni, la Commissione ha espresso parere favorevole, con la sola astensione del Movimento Cinque Stelle, al regolamento regionale ‘Disciplina per la trasparenza dell’attività di rappresentanza di interessi nei processi decisionali pubblici presso la Giunta regionale e gli altri enti del Sistema regionale lombardo’.
Il regolamento attuerà le norme contenute nella legge 17/2016 che disciplina l’attività di lobbying.

Commissione Agricoltura: istituita la riserva naturale Malpaga-Basella
In apertura di seduta è intervenuta l’Assessore all’Ambiente per rispondere ad una interrogazione del Partito Democratico che in fase di attuazione della legge regionale 28 del 2016 ‘Riorganizzazione del sistema lombardo di gestione e tutela delle aree regionali protette e delle altre forme di tutela presenti sul territorio e relativa definizione di ambiti e macroaree’ chiedeva di poter aggregare al suo interno anche il bacino del Po.

Le nove macroaree previste dalla normativa, è stato risposto, sono state individuate considerando porzioni del territorio regionale che racchiudono uno o più ambiti territoriali, propedeutici per una progressiva aggregazione degli stessi ambiti e quindi non è possibile aggregare il bacino del Po. La Giunta, ha poi chiarito l’Assessore, è in fase di preparazione della delibera sulle aggregazioni dei Parchi e dei Plis, i parchi locali di interesse sovra comunale.

La Commissione ha poi approvato all’unanimità l’istituzione della nuova riserva naturale Malpaga-Basella di interesse botanico e paesaggistico sui territori dei Comuni di Cavernago, Ghisalba, Urgnano e Zanica in provincia di Bergamo per tutelarne la biodiversità.

La gestione della riserva viene affidata al Parco regionale del Serio con l’obiettivo di tutelare il patrimonio naturale e le specie rare, vegetali e animali presenti nell’area, in modo da conservare e ripristinare gli elementi geomorfologici e paesistici qualificanti l’area e di disciplinare la fruizione del territorio a fini scientifici e didattico-ricreativi.
La riserva ha diverse caratteristiche peculiari, come una grande ricchezza floristica e di vegetazione.

Con l’istituzione della nuova area tutelata vengono definite specifiche norme di salvaguardia per la conservazione dell’area protetta, pur mantenendo la sua fruibilità da parte dei cittadini. Gli obiettivi sono anche quelli di evitare nuovo consumo di suolo con costruzioni di edifici e infrastrutture, la realizzazione di cave e azioni che modifichino la morfologia dei suoli, bonifichino le aree umide esistenti o cambino il regime delle acque.

Sono previste inoltre una serie di norme volte a evitare la realizzazione attività di tipo turistico intensivo e a tutelare la flora, evitando la raccolta di quella spontanea e la fauna tramite il divieto di caccia. È evidenziata poi la necessità di impedire l’introduzione di nuove specie in grado di alterare l’equilibrio biologico di quelle animali e vegetali già presenti.

Si è discusso anche dell’impugnazione della legge regionale 19/2017 sulla gestione del cinghiale: la Commissione, sentiti i pareri dell’Ufficio legislativo del Consiglio regionale, sollecita la Giunta regionale a modificare la normativa.

Print Friendly, PDF & Email