Home Lombardia Regione Lombardia Lombardia, Consiglio regionale: argomenti seduta del 19 novembre 2019

Lombardia, Consiglio regionale: argomenti seduta del 19 novembre 2019

149
Palazzo Pirelli


Download PDF

Legge sulla programmazione negoziata, proposta di referendum sul taglio dei parlamentari e proposta di Risoluzione a sostegno dei pazienti autistici tra i punti all’ordine del giorno

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Il progetto di legge sulla programmazione negoziata è il primo punto all’ordine del giorno della seduta di Consiglio regionale convocata dal Presidente Alessandro Fermi per martedì 19 novembre dalle ore 10:00 alle ore 19:00.
Questo provvedimento, relatore Antonello Formenti, Lega, istituisce nell’ambito della programmazione negoziata due nuovi strumenti per accelerare, semplificare e facilitare la realizzazione di interventi strutturali e infrastrutturali al servizio del territorio. Nello specifico si tratta dell’Accordo Locale Semplificato e dell’Accordo di Rilancio Economico Sociale Territoriale.

Nel primo caso, l’Accordo Locale Semplificato consentirà ai Comuni che intendono realizzare interventi che non prevedono variazioni di carattere urbanistico e non comportano costi economici di grande rilevanza, di poterlo fare in tempi certi e rapidi, accorciando e semplificando in modo significativo gli iter procedurali a cui fino ad oggi dovevano invece sottoporsi all’interno dell’Accordo di Programma.

Il secondo strumento dell’Accordo di Rilancio Economico Sociale Territoriale si pone invece l’obiettivo di favorire “uno sviluppo tridimensionale del territorio coinvolgendo tutti i soggetti territoriali pubblici e privati interessati in un ambito che privilegia la rigenerazione urbana”.

Regione Lombardia avrà così il compito almeno una volta all’anno di avanzare proposte di riqualificazione urbana e territoriale ai soggetti interessati, rendendoli partecipi di un percorso condiviso finalizzato alla realizzazione di interventi e progetti condivisi e significativi per il territorio e la comunità civile e sociale.

Seguirà quindi l’esame del progetto di legge che recepisce le indicazioni pervenute a seguito dell’impugnazione da parte del Consiglio dei Ministri davanti alla Corte Costituzionale dell’articolo 4 della Legge di revisione normativa e di semplificazione 2019, approvata a giugno e che ammetteva “il pagamento di debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive prima del riconoscimento della loro legittimità”.

Questo nuovo provvedimento, di cui è relatore il Presidente della Commissione Bilancio Marco Alparone, Forza Italia, introduce i presupposti normativi per riconoscere la legittimità del singolo debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva.

Il successivo punto all’ordine del giorno prevede la discussione della proposta di referendum sulla legge costituzionale che taglia il numero dei parlamentari, presentata dal Capogruppo di +Europa Michele Usuelli e già approvata in Commissione Affari istituzionali. Il documento sottolinea come il taglio dei parlamentari sia un passaggio di grande rilevanza che merita di essere approfondito con un pubblico dibattito.

A seguire il Consiglio regionale esaminerà la proposta di Risoluzione che si pone l’obiettivo di potenziare gli interventi di diagnosi precoce, presa in carico e assistenza per i pazienti affetti da disturbi autistici, relatrice Simona Tironi, Forza Italia.

All’ordine del giorno della seduta sono infine iscritte cinque mozioni sui seguenti temi: situazione dei docenti con diploma magistrale conseguito prima dell’anno 2002, Barbara Mazzali, Fratelli d’Italia; gestione e recupero ambientale dell’ATE g11con riempimento tramite rifiuti non pericolosi nei Comuni di Busto Garolfo e Casorezzo e tutela del Parco del Roccolo, Massimo De Rosa, Movimento 5 Stelle; realizzazione del centro unico di coordinamento e formazione dell’Area Nord Italia della Protezione civile, Gabriele Barucco, Forza Italia; conseguimento dell’autonomia differenziata con un percorso che unisca regioni, città metropolitane e province, Consiglieri Partito Democratico e Lombardi Civici Europeisti; chiusura di alcuni sportelli dell’Agenzia delle Entrate, Alex Galizzi, Lega Nord.

Print Friendly, PDF & Email