Home Lombardia Regione Lombardia Lombardia, 18 aprile: il ricordo della tragedia del Pirellone

Lombardia, 18 aprile: il ricordo della tragedia del Pirellone

293
Ricordo del Pirellone


Download PDF

Presidente Consiglio regionale: ‘La capacità di riuscire ad essere comunità unita, anche nel dolore, è l’insegnamento principale che ci lascia quella tragedia

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Lombardia.

È stato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia a introdurre oggi pomeriggio la cerimonia di commemorazione dello schianto dell’aereo contro il Grattacielo Pirelli al 26° piano, il ‘luogo della memoria’ del tragico incidente.
Era il 18 aprile 2002 quando, alle ore 17.50, un piccolo aereo da turismo colpì il Pirellone procurando danni gravissimi e rendendo l’intero edifico inagibile. Nello schianto morirono tre persone: oltre al pilota, due dipendenti dell’ufficio legislativo della Giunta, Anna Maria Rapetti e Alessandra Santonocito.

Sono passati ventidue anni da quella tragedia, ma come ricorda il Presidente del Consiglio regionale la ferita è ancora aperta e ogni anno riporta le nostre menti e i nostri cuori al pensiero di Anna Maria e Alessandra, due giovani donne morte mentre lavoravano con responsabilità, concretezza e senso del dovere per l’istituzione regionale e per tutti i cittadini lombardi.

Un dolore attenuato solo dalla presenza di tante persone che, a distanza di oltre vent’anni, condividono ancora quel ricordo. La capacità dimostrata da chi in quegli anni lavorava a Palazzo Pirelli di essere comunità unita e capace superare quei difficili momenti, sottolinea il Presidente del Consiglio lombardo, è la testimonianza di come le nostre istituzioni sono forti e sanno essere riferimento per l’intera comunità.

Il piano dove lavoravano le due dipendenti rimaste uccise, il ventiseiesimo, dopo il restauro del Palazzo è diventato il Piano della Memoria, uno spazio aperto dedicato al raccoglimento e alla riflessione.

Hanno partecipato alla cerimonia anche il Vice Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, il Sottosegretario con delega all’Autonomia e ai Rapporti con il Consiglio Regionale, il fratello di Anna Maria Rapetti Giovanni e il figlio Francesco, le colleghe Rosangela Capuzzolo e Piera Pujatti e alcuni Consiglieri regionali.

La tragedia del Pirellone si verificò otto mesi dopo quella delle Torri Gemelle. L’Assemblea regionale per i tre anni successivi si riunì in una tensostruttura realizzata ad hoc su un’area in va Melchiorre Gioia.

Fu allora che nacque l’idea di accorpare tutti gli uffici della Giunta in un unico edifico – l’attuale Palazzo Lombardia – e di dedicare Palazzo Pirelli, opportunamente restaurato e ammodernato nelle sue dotazioni tecnologiche, a sede esclusiva del Consiglio regionale e dei gruppi consiliari.

Print Friendly, PDF & Email