Home Campania Napoli Le pagelle di Atalanta – Napoli 3 – 0

Le pagelle di Atalanta – Napoli 3 – 0

1052


Download PDF

atalanta napoli 3 - 0Il Napoli crolla a Bergamo contro un’ottima Atalanta, che trafigge la disastrosa difesa azzurra per ben tre volte. A segno Denis (3’ st e 18’ st), autore di una doppietta, e Moralez (26’ st).

Ecco le pagelle di Atalanta – Napoli. Reina, Džemaili e Fernández disastrosi. Ottima prestazione di Denis, Moralez e Baselli.

 

NAPOLI

Pepe Reina 4: il suo errore in occasione del vantaggio bergamasco compromette la partita. Una prestazione da dimenticare.

Anthony Réveillère 4, 5: un solo cross, che tra l’altro raggiunge la tribuna, è davvero poco per il francese che avrebbe dovuto garantire esperienza alla squadra di Benitez  (dal 30’ st Fauozi Ghoulam 5: il franco-algerino entra con la speranza di dare un po’ di dinamismo sulla sinistra: l’obiettivo è rimandato a un altro match).

Federico Fernández 4, 5: fino allo svarione che regala a Moralez il gol del definitivo 3-0 era stato addirittura tra i migliori del Napoli. Ci chiediamo come faccia a vestire la maglia della Selección.

Raul Albiol 5: più volte in affanno, è evidente che non può sostenere da solo il peso dell’intera difesa partenopea.

Christian Maggio 5: ancora una volta è solo il lontanissimo fantasma dell’inesauribile Maggio visto negli ultimi anni.

Blerim Džemaili 4: tra i peggiori in campo, perde un pallone preziosissimo innescando l’azione del vantaggio atalantino (dal 27’ st Jorginho 5, 5: entra quando ormai c’è ben poco da fare. La sensazione è che sarebbe servito dall’inizio).

Gökhan Inler 4: lentissimo ed impacciato, non riesce mai a costruire gioco. È inspiegabile come Benitez insista nello schierarlo. È assurdo che  l’assist per Denis sia stata la sua giocata migliore da quando è in azzurro.

José Callejón 5: giornata negativa anche per Callejón, che aveva abituato i tifosi napoletani a prestazioni brillanti e a gol d’autore.

Goran Pandev 4: il macedone è meccanico e lento, non crea mai problemi alla retroguardia nerazzurra. Inesistente l’intesa col compagno di reparto Zapata.

Dries Mertens 5: si divora il gol del pareggio che avrebbe potuto riaprire le sorti del match. Non incide mai: irriconoscibile.

Duvan Zapata 3, 5: non riesce a giocare quei pochi palloni che gli arrivano. Troppo lento e spaesato. Benitez non avrebbe dovuto risparmiare il Pipita (voto 6), che, entrato al 12’ st al posto del colombiano, sfiora la rete e illude il popolo partenopeo che la rimonta sia ancora possibile.

All. Rafael Benitez 3, 5: turn over eccessivo. Il tecnico spagnolo pecca di presunzione, pensando di risparmiare Higuaín, Jorginho e Hamšik contro una squadra così ostica come l’Atalanta. La sonante sconfitta dimostra che la panchina degli azzurri, poco rinforzata dal “mercatino” di riparazione, è ancora poco competitiva.

 

ATALANTA

Andrea Consigli 6, 5: Attento e sicuro tra i pali. Resta in campo anche dopo lo scontro con il compagno Yepes. Non si fa trovare impreparato sui tiri di Pandev e di Higuaín nella ripresa.

Yohan Benalouane 6, 5: sulla destra rende la vita difficile a Mertens, annullando i tentativi di incursione del belga. I suoi interventi sono indice di un’ottima tecnica.

Guglielmo Stendardo 6, 5: svolge senza alcuna difficoltà il suo compito, fermare Zapata.

Mario Yepes 6, 5: è costretto ad uscire dopo 35 minuti di gioco in seguito a un fortuito scontro con Consigli. La sua prestazione è positiva (dal 35’ pt Stefano Lucchini: sostituisce egregiamente il suo compagno).

Cristiano Del Grosso 6, 5: copre bene e spinge mettendo anche qualche pallone al centro.

Cristian Raimondi 6, 5: si muove con ordine sulla destra, disputando una buona gara.

Giulio Migliaccio 7: corre tanto e recupera davvero tanti palloni. Colantuono può sentirsi soddisfatto dell’ottima prestazione di Migliaccio in mediana.

Daniele Baselli 7: mostra talento e grande personalità. Il nazionale Under 21, che alcune big, compreso il Napoli, già si contendono, farà tanta strada (dal 13’ st Luca Cigarini 6, 5: si fa valere prendendosi una bella soddisfazione contro la sua ex squadra).

Giacomo Bonaventura 7, 5: è il migliore in campo. La difesa azzurra non riesce a contenerlo in alcun modo.

Maximiliano Moralez 7, 5: si muove tra le linee seminando scompiglio tra gli uomini di Benitez. Il gol, regalatogli da uno svarione di Fernández, è il giusto premio per una prestazione da incorniciare.

German Denis 7, 5: Apre le danze dei bergamaschi approfittando di un errore di Džemaili e di un irriconoscibile Reina, che non riesce a trattenere il tiro del Tanque. Incredulo e implacabile sigla il secondo gol su assist di Inler. Non veste più la maglia azzurra ma, nonostante ciò, i suoi ex compagni continuano a servirgli assist (dal 41’ st Riccardo Cazzola sv).

All. Stefano Colantuono 7, 5: Partita tatticamente perfetta. La sua squadra è compatta ed ordinata, non lascia spazi agli avversari e colpisce con cinismo. La vendetta per l’eliminazione dalla Coppa Italia può considerarsi consumata.

Arbitro Nicola Rizzoli 6: dirige bene la gara. Giuste le sue decisioni sul tocco di mano involontario di Inler in area di rigore e sulla simulazione di Mertens.

 

Carmelo Cutolo

Print Friendly, PDF & Email
Carmelo Cutolo

Autore Carmelo Cutolo

Carmelo Cutolo, giornalista pubblicista, dottore di ricerca in Filologia classica, docente di lettere nelle scuole di secondo grado, appassionato di poesia, di ciclismo e di calcio.