Home Lazio Regione Lazio Lazio, Zingaretti propone ai Sindaci atenei aperti fino a mezzanotte

Lazio, Zingaretti propone ai Sindaci atenei aperti fino a mezzanotte

259
Nicola Zingaretti


Download PDF

Al via progetto regionale’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lazio.

Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, annuncia:

Dopo questi due anni di emergenza pandemica, vogliamo dare una risposta alle tante ragazze e ai tanti ragazzi che hanno sofferto l’impossibilità di potersi riunire in luoghi dedicati allo studio e alla socialità per le necessarie misure messe in atto per il contenimento del contagio da Covid-19.

Con questo obiettivo, abbiamo scritto ai Sindaci di Comuni di sedi universitarie per proporre di aprire le biblioteche e le aule studio fino a mezzanotte grazie al sostegno economico che come Regione Lazio metteremo in campo.

Un’iniziativa, da realizzarsi in collaborazione con gli Enti Locali, che vuole dare la possibilità ai ragazzi di vivere ancora di più lo spazio pubblico.

Con quest’iniziativa, la Regione Lazio intende coinvolgere i Comuni del Lazio nell’individuazione di luoghi da dedicare allo studio e all’incontro, garantendo anche aperture nel corso dei mesi estivi, grazie alla predisposizione di adeguati spazi all’aperto che siano connessi alle attività degli Atenei e offrano ai ragazzi nuove opportunità di socialità.

Un’iniziativa importante per alimentare nei giovani anche un rinnovato senso di comunità e di vicinanza delle istituzioni.

Ha concluso il Presidente:

Grazie al successo della campagna vaccinale e alla responsabilità di tutti, oggi possiamo guardare con maggior fiducia al futuro e tornare a condurre, sempre responsabilmente, una vita sociale più libera e serena.

Con questo programma, inoltre, vogliamo instillare nei ragazzi consapevolezza e rispetto nei confronti dello spazio pubblico, contribuendo alla partecipazione attiva alla vita della propria comunità.

Proseguiamo nell’impegno della Regione Lazio per le nuove generazioni: dalla risposta all’emergenza salute mentale legata al Covid, al diritto allo studio, fino al sostegno alle attività imprenditoriali e creative.

Print Friendly, PDF & Email