Home Lazio Regione Lazio Lazio, Regimenti su introduzione Garante per tutela vittime di reato

Lazio, Regimenti su introduzione Garante per tutela vittime di reato

242
Garante


Download PDF

L’Assessore: ‘Più diritti e tutele per i cittadini’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa della Regione Lazio.

L’introduzione in Regione Lazio del Garante per la tutela delle vittime di reato, oltre a rispondere alle indicazioni provenienti dall’Unione europea sul tema, sarà uno strumento prezioso per avvicinare lo Stato ai cittadini in un momento di particolare fragilità.

Il Garante accompagnerà la vittima di reato lungo tutto il percorso che va dal momento della commissione del reato fino alla completa soddisfazione del torto subito, promuovendo, garantendo e vigilando sulla piena attuazione dei diritti e degli interessi delle vittime.

Lo ha dichiarato l’Assessore al Personale, alla Sicurezza urbana, alla Polizia locale e agli Enti locali della Regione Lazio, Luisa Regimenti, nel corso delle audizioni in I Commissione del Consiglio regionale del Lazio sulla proposta di legge per l’istituzione del Garante per la tutela delle vittime di reato.

L’Assessore Regimenti ha spiegato:

Il Garante, che ha già prodotto buoni risultati nelle altre quattro regioni dove è stato istituito, potrà rappresentare una figura di riferimento per i cittadini anche quando le vittime si trovano ad affrontare le conseguenze personali e sociali ed i lunghissimi procedimenti penali dopo aver subìto un’aggressione, una violenza o la perdita di un familiare, garantendo accessibilità ai servizi pubblici di supporto alle vittime, la disponibilità degli addetti alla erogazione dei servizi, l’ascolto attivo dei cittadini che versano in una condizione di disagio.

Auspico, dunque, che la proposta di legge, che ha avuto anche il parere favorevole della Procura della Repubblica e dell’Ordine degli Avvocati di Roma, sia approvata rapidamente per aggiungere nel Lazio un prezioso elemento di garanzia a tutela dei diritti dei cittadini, a partire dai più fragili.

Print Friendly, PDF & Email