Home Toscana Regione Toscana In Toscana un boom degli Uffici di prossimità

In Toscana un boom degli Uffici di prossimità

268
Uffici di prossimità


Download PDF

Il tema discusso all’Internet Festival di Pisa

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Partiti nel 2018 grazie ad un progetto dedicato, redatto dalla Regione Toscana, tra le prime in Italia a dotarsene, gli Uffici di prossimità sono sportelli aperti nei Comuni a cui i cittadini possono rivolgersi per svolgere una serie di pratiche giudiziarie e disporre di un servizio completo di orientamento e consulenza gratuita per le pratiche della Volontaria giurisdizione in ambito sociale.

Spiega l’Assessore a legalità, semplificazione e rapporti con gli Enti locali, Stefano Ciuoffo, intervenuto ad un’iniziativa sul tema all’Internet Festival di Pisa:

Gli Uffici di prossimità vogliono essere il settore della giurisdizione più vicino alle esigenze delle persone fragili, la risposta del welfare state ai i cittadini in difficoltà. In meno di quattro anni ne abbiamo dunque attivati 9, e ben 19 sono quelli in fase di approntamento o di apertura.

Il loro gradimento è testimoniato dalle circa 10mila pratiche che hanno fin qui svolto. È un lavoro importante e una scelta giusta quella compiuta da tante amministrazioni comunali che ringrazio per la loro disponibilità ad offrire questo servizio, così come sono grato al Ministero della giustizia e i Tribunali della Toscana per la fattiva collaborazione dimostrata.

La Regione Toscana, per questa sua capacità progettuale e realizzativa ha ottenuto dal Ministero della giustizia un finanziamento di 2,35 milioni di euro.

Aggiunge Ciuoffo:

Gli Uffici di prossimità  utilizzano il ‘Punto di accesso – cancelleria telematica’ della Regione Toscana che è unanimemente considerato il più evoluto nel panorama nazionale perché è l’unico che consente l’accesso a tutti i cittadini e che, tramite la posta elettronica, li avvisa delle scadenze che di tutte le modifiche intervenute ai fascicoli personali.

Siamo di fronte ad un’innovazione per la quale altre Regioni guardano come esempio e sulla quale intendiamo procedere per per consolidare la ‘Toscana diffusa’ dei servizi ai cittadini. Il nostro obiettivo è quello di migliorare la vicinanza nei territori e quella ai cittadini che hanno perso rappresentanza.

Sono anche convinto che questa positiva esperienza consoliderà la saldatura con il sistema giudiziario.

In Toscana sono 9 gli uffici già attivi: a Firenze nella sede del Quartiere 3, a Pontedera, a Pontremoli, Montepulciano, Montevarchi, nell’Unione dei Comuni del circondario empolese, e nelle Unioni dei Comuni montani del Casentino e in quella della Valtiberina e poi a Capannori.

Sono stati oltre 2.700 gli utenti che si sono recati presso gli uffici, che hanno contattato telefonicamente in oltre 5.600 occasioni, mentre il totale di atti depositati presso gli uffici supera i 1.500.

Per la maggior parte si è trattato di atti legati alla cosiddetta Volontaria giurisdizione in ambito sociale e che riguardano gli amministratori di sostegno, quelle figure che si occupano di amministrare gli interessi delle persone più fragili, economicamente, psicologicamente e socialmente, come le questioni legate alle eredità. Ai libretti di risparmio, alle polizze assicurative, ai titoli di credito, alla vendita e all’acquisto di immobili e così via.

Tra i 19 Uffici di prossimità che apriranno nei prossimi mesi figurano quelli di Altopascio, Castiglion Fibocchi, Casciana Terme Lari, Colle Val d’Elsa, San Gimignano, Gallicano, Montalcino, Orbetello, Piancastagnaio, Poggibonsi, Roccastrada, Rosignano Marittimo, San Giuliano Terme, Sassetta, Unione dei Comuni Colline del Fiora, Unione dei Comuni montani Amiata Grossetana, Unione dei Comuni Montani dell’Appennino Pistoiese, Unione dei Comuni Val di Bisenzio e Vicchio.

La Regione Toscana, insieme a Liguria e Piemonte, sta portando avanti le azioni pilota per la modellizzazione del Progetto, tanto che è già stato realizzato il “modello di comunicazione” degli Uffici di prossimità e, affinando gli strumenti informatici fondamentali per l’operatività del sistema, sta fornendo il supporto al processo di informatizzazione degli Uffici di prossimità con il potenziamento dell’esperienza già avviata sul territorio con il proprio Punto di accesso al processo civile telematico e il redattore atti per il processo civile telematico, che sono già stati resi disponibili a tutti gli Uffici aperti sul territorio toscano e consentono di effettuare i depositi telematici in qualsiasi ufficio giudiziario italiano.

Print Friendly, PDF & Email