Home Toscana Regione Toscana Impegno di Regione e ASL per territori di Lunigiana, Massa e Carrara

Impegno di Regione e ASL per territori di Lunigiana, Massa e Carrara

197
Enrico Rossi


Download PDF

Incontro con il Presidente Rossi

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Nell’ambito territoriale di Massa-Carrara, particolarmente colpito dall’emergenza Coronavirus, la Regione Toscana e l’Azienda USL Toscana nord ovest sono impegnate a venire incontro alle esigenze dei cittadini, con tante iniziative legate al territorio perché se ospedali e terapie intensive sono fondamentali – ed anche a Massa si è provveduto al loro potenziamento – “la battaglia si vince prima di tutto sul territorio”.

Lo ha ribadito il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che oggi, 31 marzo, ha incontrato a Massa, insieme al Direttore generale dell’ASL Maria Letizia Casani ed al Direttore sanitario Lorenzo Roti, i massimi dirigenti sanitari, esprimendo loro apprezzamento per come è stata gestita la riorganizzazione degli ospedali della Lunigiana e di Massa che hanno dovuto affrontare un’epidemia che, per livelli di diffusione, non ha eguali in Toscana.

Ha quindi ringraziato tutti gli operatori sanitari per il grande lavoro che stanno facendo, pur in condizioni di difficoltà. In Lunigiana il Presidente ha anche incontrato alcuni Sindaci del territorio.

Nell’ambito del confronto, molto proficuo, è stato confermato che verranno inviati kit sierologici per effettuare i test in tutte le RSA, agli ospiti ed al personale, sia nella zona Apuana che in quella della Lunigiana.

Il Presidente Rossi, infatti, preoccupato per i tanti casi di positività che si sono verificati in queste strutture, ha deciso di far partire immediatamente lo screening diagnostico in tutte residenze sanitarie, a cominciare dalle realtà maggiormente interessate ed è questo sicuramente il caso delle due zone.

Sempre in questo ambito territoriale, verranno aperti 15/20 posti letto di cure intermedie a Carrara ed altri 20 in Lunigiana, nella sede della ‘Don Gnocchi’.

Previsto inoltre un consistente aumento nella fornitura di dispositivi di protezione individuale, mascherine, camici, etc., tenendo conto dell’incidenza dei casi in questi due territori.

La Regione Toscana ha poi stipulato convenzioni per l’istituzione di “alberghi sanitari”, distribuiti su tutto il territorio, nei quali viene garantita idonea sorveglianza infermieristica e medica per i pazienti Covid-19.
Al momento sono già 45 i posti letto disponibili: 25 a Marina di Massa e 20 ad Aulla.

Il Presidente Rossi ha infine rassicurato sulla fornitura di kit di dispositivi di protezione direttamente al domicilio dei medici di medicina generale, il cui ruolo – ha ribadito – è fondamentale perché a loro spetta il primo trattamento dei pazienti con sintomatologia sospetta.

Print Friendly, PDF & Email