Home Campania Comune di Napoli Giornata della Legalità 2024 a Napoli

Giornata della Legalità 2024 a Napoli

214
Albero della Legalità a Napoli


Download PDF

Cerimonia in piazza Municipio davanti alla lapide che ricorda il sacrificio di Falcone e Borsellino

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

Nel 32esimo anniversario della strage di Capaci, l’Assessore alla Sicurezza e alla Legalità del Comune di Napoli e il Prefetto di Napoli Michele di Bari hanno deposto dei fiori davanti alla lapide in piazza Municipio che ricorda il sacrificio dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e delle donne e uomini delle loro scorte.

Alla cerimonia per la Giornata della Legalità hanno preso parte, tra gli altri, l’Assessora all’Istruzione e alle Famiglie, l’Assessore al Bilancio, il Presidente della Municipalità 2, il Comandante della Polizia Locale e i vertici delle Forze dell’ordine.

Gli studenti dell’Istituto comprensivo ‘Tito Livio – Fiorelli’ hanno accompagnato i vari momenti dell’iniziativa con dei brani musicali.

L’Assessore alla Sicurezza e alla Legalità ha sottolineato come fare memoria non sia un fatto rituale, ma un messaggio da trasmettere ai ragazzi ricordando loro il sacrificio dei servitori dello Stato, che hanno dato la vita per assicurare migliori condizioni di democrazia e libertà all’Italia, e invitandoli a fare propri, fin da giovanissimi, valori quali il rispetto per gli altri, la gentilezza e la solidarietà.

Geppino Fiorenza, referente emerito di Libera e presidente onorario dell’associazione ‘Giancarlo Siani’, ha affermato:

Ricordare è importantissimo, ma non è sufficiente. Dobbiamo guardare avanti incontrando i ragazzi che sono già in sintonia con il tema della legalità, ma anche quelli che sono finiti nella spirale della violenza: dobbiamo parlare con tutti e convincerli dei valori della democrazia e della legalità.

Don Tonino Palmese, Presidente della Fondazione Polis e Garante delle persone detenute per la città di Napoli, ha commentato:

Il calendario ci ricorda il dolore, ma anche la vergogna che abbiamo provato davanti alle stragi di Capaci e via D’Amelio, ma oggi è straordinario vedere tanti ragazzi che non hanno conosciuto direttamente quei fatti eppure sono pronti a dare se stessi e a mettere il proprio entusiasmo per creare un ponte tra prima e dopo, in maniera che insieme si possa combattere le mafie.

Giuseppe Granata, Presidente del Coordinamento campano dei Familiari delle vittime innocenti della criminalità, ha ricordato:

Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta che persero la vita nel barbaro attentato di Capaci sono una testimonianza della lotta per la legalità e la libertà nel nostro Paese, ma sono anche simbolo delle oltre mille vittime innocenti che in tutta Italia hanno pagato con la vita il loro impegno per affermare questi principi.

Print Friendly, PDF & Email